POPOLI, OMICIDIO FULVIO DECLERCH: CONFERMATO L’ERGASTOLO PER CHIARELLI

La Corte d’Assise d’Appello dell’Aquila ha emesso una sentenza definitiva, confermando l’ergastolo per Alessandro Chiarelli, un giovane di 31 anni originario di Popoli, accusato dell’omicidio brutale di Fulvio Declerch, 54 anni, avvenuto la notte del 25 novembre 2021.

Fulvio Declerch

Le circostanze dell’omicidio sono state descritte come agghiaccianti. Chiarelli è stato ritenuto colpevole di aver introdotto in modo violento nell’abitazione di Declerch, attraverso una finestra rotta, e poi di averlo accoltellato ferocemente. La vittima è stata colpita 17 volte, mentre giaceva a terra, subendo ferite al viso e al collo. Un attacco così violento, secondo quanto emerso nel processo, sarebbe stato scatenato da un banale rifiuto da parte di Declerch di concedere al giovane una bevuta di vino.

La scoperta del corpo di Declerch, gettato vicino al fiume Pescara, ha aggiunto un livello di orrore all’intera vicenda. Le immagini catturate da una telecamera di sicurezza hanno rivelato mentre Chiarelli trasportava il corpo della vittima in una carriola, per poi abbandonarlo e tornare indietro senza di essa.

Il riconoscimento da parte di un maresciallo dei carabinieri è stato cruciale nel collegare il giovane 31enne al delitto, consolidando così la prova della sua colpevolezza.

La conferma dell’ergastolo per Chiarelli sottolinea la gravità dell’atto commesso e rappresenta un passo significativo verso la giustizia per la famiglia di Fulvio Declerch. Tuttavia, resta il senso di sgomento e tristezza per una tragedia così assurda e violenta che ha scosso la tranquilla comunità di Popoli e oltre.

Domenico Verlingieri