NAPOLI A CASTEL DI SANGRO, CIANCIOTTA (ABRUZZO SVILUPPO): IMPORTANTE STRATEGIA DI MARKETING

“Ospitare il ritiro del Napoli a Castel di Sangro è la più importante iniziativa di marketing promossa in Abruzzo negli ultimi decenni “, dichiara all’Ansa il presidente di Abruzzo Sviluppo, società in house della Regione Abruzzo di promozione e sviluppo industriale, Stefano Cianciotta. Cianciotta puntualizza: “Il calcio è diventato uno straordinario business che va gestito in modo manageriale ed è una leva di promozione e sviluppo intorno alla quale far girare servizi, marketing territoriale e consenso”, e a questo punto “Il mio augurio è che questa iniziativa possa stimolare una concorrenza positiva tra i Comuni delle aree interne per adeguare la propria impiantistica sportiva e la propria ricettività, perché l’Abruzzo possa diventare nei prossimi anni sede del ritiro di molti club sportivi. L’Abruzzo, che ha ospitato a Roccaraso nel 1986 la nazionale di calcio prima del Mondiale messicano, non ha mai investito in modo organico e continuativo sul turismo dei ritiri delle squadre di calcio”. “Il Trentino, invece, ci ha costruito un brand straordinario, che è diventato parte della sua offerta turistica estiva, con effetti positivi anche sulla stagione invernale”. “Il ritiro del Napoli a Castel di Sangro premia da una parte la lungimiranza di un abruzzese illuminato, Luciano Russi, che 25 anni fa è stato tra i primi a capire che il calcio si era managerializzato e che doveva essere valutato alla stregua di un’azienda, e un Comune che negli anni ha investito sull’impiantistica di qualità e agevolato una ricettività di buon livello, due condizioni per portare squadre importanti in Abruzzo”. L’esperienza del Castel di Sangro in serie B – conclude poi Cianciotta – ha prodotto un manager di grande spessore come Gabriele Gravina, ora al vertice della Federazione Italiana Gioco Calcio, e creato le premesse per avere in Alto Sangro un’ impiantistica sportiva unica nel suo genere, come ha affermato anche lo stesso tecnico del Napoli Gennaro Gattuso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *