“RIVOLUZIONE BUROCRATI”, LA CIVITA ACCENDE POLEMICHE E SOSPETTI

La riorganizzazione della macchina amministrativa solleva subito nuove polemiche, che prendono spunto da un nostro articolo pubblicato ieri sul vertice della maggioranza, disertato dal Pd. Ad accendere la polemica questa volta è il capogruppo consiliare di Forza Italia, Luigi La Civita.  Appena ridisceso dalle “vette” degli Azzurri in quel di Roccaraso La Civita non ha perso tempo, galvanizzato dall’incontro con i “maiores” del suo partito ha preso carta e penna scrivendo al sindaco Giuseppe Ranalli, per difendere la dirigente della ripartizione Urbanistica, Katia Panella, che la maggioranza mediterebbe di trasferire da quella ripartizione al Personale e per lanciare addirittura sospetti.  Citando un articolo da noi pubblicato ieri sull’ipotesi di trasferimento della dirigente alla guida dell’Urbanistica e sui “troppi no” della dirigente Panella ad iniziative che avrebbero portato anche occupazione sarebbero all’origine dell’ipotesi di un suo trasferimento dall’Urbanistica.” , La Civita interroga il sindaco insinuando dubbi di non poco conto.  “Non sarà per caso che questi famosi no siano riferibili a possibili forzature nei confronti di un Dirigente al fine di ottenere assenso ad operazioni fuori dai limiti della liceità ?” chiede di sapere il capogruppo consiliare azzurro. “Caro Sindaco tutto ciò pone in evidenza che i problemi sono tutti all’interno della sua maggioranza e nei vari veti e imposizioni di qualche consigliere comunale e di qualche sindaco ombra che, fuori dal Palazzo con il proprio fare e disfare, le impone operazioni alle quali non riesce a sottrarsi” aggiunge La Civita, auspicando che Ranalli ponga fine ad uno scempio annunciato e a continui valzer di poltrone tra i dirigenti. Così come l’esponente di Forza Italia censura l’ipotesi di un maxi-assessorato Lavori pubblici-Urbanistica. Perché anche su questa ipotesi lavorerebbe una parte della maggioranza in questi giorni. Anche se di fatto nulla ancora viene deciso e le incertezze restano tante.

 

 

Available for Amazon Prime