IL SULMONESE SILLA: I TEMPLARI FURONO ANCHE IN ABRUZZO TRA CHIETI E PESCARA

E’ un giovane ricercatore sulmonese, originario di Bologna, Domenico Silla, ad avviare la riscoperta della presenza dei Templari in Abruzzo. Lo studioso, di professione infermiere ma da sempre appassionato della storia dei Templari, ha tenuto un’interessante conferenza nei giorni scorsi a Vasto. Silla ha precisato che la sua passione per la storia dei Cavalieri è nata dopo una visita al santuario della Madonna di Loreto, dove ebbe occasione di incontrare le dame dell’Ordine di Malta, anch’esso al centro delle sue ricerche e dei suoi studi. Silla ha quindi illustrato quali siano le tracce lasciate dai templari nella nostra regione, evidenziando come la loro presenza si sia attestata nell’area tra Chieti e Pescara. La certezza di questa presenza è testimoniata da documenti che Silla ha reperito in Castel S.Angelo, nei quali documenti si indicano nomi di esponenti abruzzesi dei Templari.

5 commenti riguardo “IL SULMONESE SILLA: I TEMPLARI FURONO ANCHE IN ABRUZZO TRA CHIETI E PESCARA

  • 2 Novembre 2022 in 23:08
    Permalink

    Sulmona 02.11.2022

    Gentilissimo sig. Leonardi buona serata, in Valle Peligna i Cavalieri Templari non ci sono mai stati con domus, grancie e Commende, potete mettervi l’anima in pace. Grazie.
    distinti saluti
    Domenico Silla

    • 4 Novembre 2022 in 08:48
      Permalink

      Le dice niente questo nome…Gran Maestro Helion de Villeneuve…

  • 19 Ottobre 2022 in 20:34
    Permalink

    … e nella valle dei Peligni nessuna traccia trovata?
    Beh, un invito al ricercatore infermiere bolognese a dare un’occhiata approfondita alle carte IGM, scala 1:25.000, e individuare i poleonimi ivi riportati e che riconducono alla loro fondazione da parte dei templari…

  • 19 Ottobre 2022 in 18:39
    Permalink

    Sulmona 19.10.2022

    Cortesemente correggete l’articolo io vivo e lavoro a Sulmona ma sono nato e vissuto a Bologna, sono emiliano in tutto e per tutto. Lo sanno anche le pietre a Sulmona che sono bolognese.
    distinti saluti
    Domenico Silla

I commenti sono chiusi