IN AUTUNNO IL RESTAURO DELLA VILLA COMUNALE OGGI IN DEGRADO E ABBANDONO

I lavori di restauro della villa comunale di Sulmona inizieranno, in autunno, tra settembre e ottobre. A rassicurare i cittadini sull’avvio atteso dei lavori, già in programma da tempo, è il vice sindaco e assessore ai Lavori pubblici, Franco Casciani, ricordando che il progetto è solo in parte edilizio e in prevalenza arboreo. “Con il caldo è impensabile poter iniziare i lavori prima dei tempi prestabiliti, perché le azioni da attuare sono delicate, prevedono la semina e l’intervento su alberi antichi con radici profonde” spiega l’assessore. Il progetto della villa comunale affidato alla Fondazione Carispaq è stato opportunamente modificato con un incremento di 250mila euro circa, dai 150mila euro di partenza. L’accordo è stato già sottoscritto e firmato da entrambe le parti.  Nel frattempo però i giardini pubblici versano in condizioni di degrado, sporcizia ovunque, erbacce, una giungla e una  vera e propria discarica abusiva di immondizia, per non parlare delle peschiere, ridotte a pozzanghere melmose e sporche. I residenti lamentano le condizioni attuali della villa in attesa degli agognati lavori. Il vicesindaco su questo punto risponde: “La pulizia dell’area verde della villa è stata eseguita, e continuerà ,ma nei limiti del possibile in quanto sarebbe inutile farla in maniera profonda  in virtù degli interventi che inizieranno a breve che  verranno suddivisi in due fasi, nella prima si lavorerà sulla Villa, nella seconda fase che partirà quando ci verrà consegnata a lavori ultimati e verranno installate delle telecamere per limitare gli atti vandalici e  la gestione quotidiana del verde e della manutenzione verrà affidata ad una ditta specializzata come da accordi con l’ associazione ”.  “ Noi come amministrazione possiamo apportare un notevole cambiamento al volto della villa per come la conosciamo attualmente, ma il decoro pubblico in gran parte deve essere tutelato dai cittadini stessi con i loro comportamenti, ci vuole gran senso civico e di appartenenza ,fondamentale per poter mantenere la villa in condizioni ottimali – sottolinea Casciani – Noi sicuramente ci siamo riproposti, come amministrazione, di cercare soluzioni alternative per limitare la sporcizia e le deiezioni dei cani, come i cestini e delle aree adeguate per lo sgambamento dei cani” , che verranno individuate in un secondo momento ,ma anche in esse occorre rispettare certi provvedimenti a tutela delle stesse. I proprietari dei cani ,devono educarli come se stessero nelle loro case, questo  è il comportamento giusto  da attuare quando si passeggia con i propri amici a quattro zampe, in particolare quando si attraversa un centro storico”. “Mi è stato suggerito da alcuni residenti ,di  sanzionare i padroni ineducati, ma questo non è possibile, perché  il corpo della polizia locale è sotto organico,  ma il cittadino stesso deve rispettare le regole di buon senso  e quelle vigenti in merito all’ abbandono in suolo pubblico di immondizia e deiezioni dei propri cani , buttando cicche, carte e munendosi del kit predisposto per adempiere ad un comportamento civile  – conclude il vice sindaco – L’ amministrazione ce la sta mettendo tutta per adempiere alle promesse fatte, ma sta anche a noi cittadini di Sulmona a mantenere il decoro pubblico nel tempo, siamo chiamati all’ ordine e alla disciplina civica per evitare di tornare al punto di partenza. La soluzione è collaborare insieme a questa amministrazione per risollevare le sorti del nostro comune ed esserne di conseguenza orgogliosi perché noi possiamo essere parte integrante di questo progetto e quelli in avvenire”. (T.L.C.)