TRIBUNALE DA SALVARE, AVVOCATI: NO AD UFFICI DI PROSSIMITA’. LA UIL CHIEDE INCONTRO A SENATRICE DI GIROLAMO

Condividi

Torna in primo piano la battaglia per il Tribunale, dopo le recenti dichiarazioni del ministro di Giustizia, Alfonso Bonafede, che hanno “gelato” le attese degli addetti ai lavori e del territorio. L’ordine forense di Sulmona si dichiara subito contrario all’istituzione di uffici prossimità che secondo il ministero di Giustizia potrebbero prendere il posto dei tribunali da sopprimere. Intanto la Uil Adriatica-Gran Sasso, attraverso il segretario Mauro Nardella, chiede un incontro immediato alla senatrice Gabriella Di Girolamo, perché operi in concreto a difesa del Tribunale di Sulmona e degli interessi legittimi di tutta la cittadinanza del Centro Abruzzo. “Gli uffici di prossimità, già attuati in grandi tribunali, presuppongono l’esistenza di tribunali e obbediscono ad una logica di decentramento limitato delle funzioni di un tribunale e non potrebbero quindi soddisfare le esigenze dei cittadini e di un territorio così particolare, come l’Abruzzo” spiega l’avvocato Piercarlo Cirilli, vice presidente dell’Ordine forense di Sulmona. “Il ministro di giustizia Bonafede intende togliere il tribunale, istituendo uffici di prossimità, che sono una sorta di ambulatorio giudiziario, con funzioni limitate – continua l’avvocato Cirilli – allora sarà bene istituire uffici di prossimità nei paesi del comprensorio ma il tribunale va conservato”. Intanto vanno avanti i lavori della commissione regionale istituita proprio per la salvaguardia dei tribunali soppressi in Abruzzo. “Siamo arrivati alla conclusione dei lavori della commissione e stiamo elaborando il documento finale, con l’unica proposta concreta presentata dall’ordine forense di Sulmona d’intesa con il presidente del Tribunale – precisa il vice presidente dell’ordine forense peligno – con la stessa commissione avremmo in animo d’invitare il ministro Bonafede ad un incontro, da tenere in consiglio regionale oppure come commissione regionale recarci noi a Roma, per incontrarlo”. Un incontro entro breve chiede alla senatrice Di Girolamo il segretario della Uil Adriatica-Gran Sasso, Mauro Nardella, protestando con il ministro Bonafede che ultimamente avrebbe fatto marcia indietro rispetto all’iniziale proposito di salvaguardia dei cosiddetti tribunali minori, soppressi dai predecessori. Nardella chiede alla parlamentare sulmonese un impegno immediato, fattivo ed efficace a tutela degli interessi della cittadinanza del Centro Abruzzo, per la conservazione del Tribunale di Sulmona.

Condividi