MIASMI DA NOCE MATTEI, VERSO CONVENZIONE TRA ARTA E COMUNE PER IL MONITORAGGIO E STUDIO DEL FENOMENO

Primi passi per risolvere il grave problema del pessimo odore che da anni ammorba l’aria nella frazione delle Marane e nelle altre frazioni pedemontane del Morrone, con i residenti che da anni attendono risposte e soluzioni concrete. Una convenzione tra il Comune di Sulmona e l’agenzia regionale Arta sarà firmata nei prossimi giorni per avviare sopralluoghi e monitoraggi nella zona degli impianti e discarica della società Cogesa, a Noce Mattei. Il Comune di Sulmona, dopo le frequenti segnalazioni del pessimo odore proveniente dagli impianti e dalla discarica, ha richiesto all’Arta l’effettuazione di una campagna di rilievi finalizzata ad identificare e caratterizzare le fonti effettive dei miasmi. Da qui si è stabilito di procedere ad indagini ambientali attraverso l’impiego di modelli statistici di ricaduta degli inquinanti aerodispersi; campionamento ed analisi delle emissioni odorigene dalle sorgenti emissive ritenute potenzialmente rilevanti; determinazioni olfattometriche eseguite da un laboratorio accreditato.Le attività di monitoraggio e di studio del fenomeno che ammorba l’aria nell’area delle frazioni avranno durata di un anno. Al termine dei rilievi, con apposito elaborato tecnico, l’Arta fornirà i risultati del monitoraggio, analizzando le criticità riscontrate e proponendo l’adozione di eventuali misure per la mitigazione dell’impatto dei miasmi. L’amministrazione comunale di Sulmona pagherà all’Arta l’importo complessivo di 15mila euro, che include le spese per il materiale di consumo, i costi sostenuti dall’Agenzia per l’effettuazione delle analisi presso laboratorio accreditato, nonché un contributo per la manutenzione ordinaria delle apparecchiature.

Un pensiero su “MIASMI DA NOCE MATTEI, VERSO CONVENZIONE TRA ARTA E COMUNE PER IL MONITORAGGIO E STUDIO DEL FENOMENO

  • 29 Agosto 2022 in 12:20
    Permalink

    Le fonti dei miasmi sono le parti putrescenti dell’ indifferenziato è tutto ciò che è organico e si decompone. Avrei speso quei soldi per risolvere il problema non per certificarlo …

I commenti sono chiusi