PRIMO MAGGIO A SULMONA NEL SEGNO DELLA MOBILITAZIONE E DEL CONFLITTO

In piazza XX Settembre a Sulmona si è svolto l’evento conclusivo della “Carovana dei Diritti”, iniziativa promossa dalla Cgil in provincia dell’Aquila in occasione del primo maggio. La manifestazione ha avuto lo scopo di unire idealmente i territori intorno ai valori fondamentali della pace, del lavoro e della giustizia sociale.

Piazza XX Settembre Sulmona

Il segretario generale della Cgil provinciale, Francesco Marrelli, ha espresso con fermezza la necessità che questo territorio si riappropri della capacità di cambiamento attraverso la mobilitazione e il conflitto. Sulmona è stata scelta come tappa finale dell’evento (dopo gli appuntamenti in mattinata nella frazione aquilana di Assergi ed a Luco dei Marsi) per via dei gravi problemi che affliggono la Valle Peligna, tra cui il depauperamento del tessuto industriale, lo spopolamento, la carenza di servizi e l’aggressione ambientale.

In particolare, le previsioni dell’Istat, citate dall’economista Aldo Ronci, prevedono un calo drastico del numero di abitanti a Sulmona entro il 2041, con conseguenze pesanti sul sistema pubblico e amministrativo e sulla tenuta dei servizi essenziali.

Francesco Marrelli

Il segretario della Cgil L’Aquila ha sottolineato l’importanza di unire gli sforzi di tutti i soggetti che si interessano al futuro di questa città e della Valle Peligna, affinché non resti confinata nella marginalità. Marrelli ha evidenziato il ruolo cruciale della mobilitazione civica e della capacità di programmazione e rivendicazione della comunità locale.

Mario Pizzola, portavoce dei Comitati cittadini per l’ambiente, ha poi illustrato la battaglia contro la costruzione della centrale e del metanodotto, sottolineando l’importanza di questa lotta come esempio di maturità e impegno civico.

Marrelli ha invitato tutti a considerare il primo maggio non solo come una giornata di celebrazione, ma anche di conflitto e di rivendicazione dei diritti. Ha auspicato la ricostruzione di una rete nazionale tra partiti politici e parti sociali, affinché si possa lavorare insieme per il bene comune e il futuro del territorio.

Durante l’evento, è stata offerta la possibilità di firmare per i referendum della Cgil, volti a garantire una maggiore tutela per i lavoratori e a superare la precarietà contrattuale.

La presenza della senatrice Gabriella Di Girolamo (M5S) ha aggiunto un ulteriore sostegno a queste iniziative, dimostrando un impegno condiviso per il miglioramento delle condizioni lavorative e sociali.

Raccolta firme referendum Cgil

La giornata è stata allietata dalla musica di Michele Avolio, che con le sue “Note del Lavoro” ha reso omaggio alla dignità del lavoro e alla solidarietà tra i lavoratori.

In conclusione, l’evento a Sulmona ha rappresentato un momento di riflessione e di impegno per costruire un futuro migliore per questa comunità e per tutto il territorio circostante, partendo dalla consapevolezza che il cambiamento è possibile solo attraverso la collaborazione e la determinazione di tutti i cittadini.

Domenico Verlingieri

La senatrice Di Girolamo con il segretario Cgil L’Aquila Marrelli
Michele Avolio e Daniela Frittella

One thought on “PRIMO MAGGIO A SULMONA NEL SEGNO DELLA MOBILITAZIONE E DEL CONFLITTO

  • In piazza i pochi lavoratori rimasti a Sulmona

I commenti sono chiusi