COLLETTA DEGLI AGENTI PER ACQUISTARE SEDIE PER GLI UFFICI DEL CARCERE DI SULMONA

Gli agenti di polizia penitenziaria del carcere di Sulmona sono stati costretti a fare una sottoscrizione di fondi per l’acquisto di nuove sedie ergonomiche. A darne notizia è Mauro Nardella, segretario territoriale della Cst Uil Adriatica-Gran Sasso. “Gli agenti con i fondi raccolti hanno prima acquistato le sedie e poi le hanno donate alla direzione della casa di reclusione che ha provveduto ad assegnarle nei reparti dove svolgono attività lavorativa gli agenti che hanno donato le sedie” sottolinea Nardella. Lo stesso dirigente sindacale tiene a precisare che già da tempo gli agenti penitenziari avevano fatto richiesta per avere le nuove sedie. Ma la carenza di fondi aveva finora impedito l’acquisto delle sedie. “E’ incredibile – commenta Nardella – che lo Stato debba costringere i suoi dipendenti ad autofinanziarsi per potersi dotare di quello che lo Stato stesso dovrebbe garantire”. Il dirigente Uil ha auspicato che per il prossimo futuro gli agenti del penitenziario sulmonese non siano più tenuti in alcun modo ad autofinanziarsi per ottenere ciò che loro spetta.