PALAZZETTO DELLO SPORT SOTT’ACQUA, I DISAGI NON FINISCONO MAI

Tornano le prime piogge autunnali e torna anche l’acqua a bagnare gli atleti che frequentano il palazzetto dello sport, di via XXV Aprile. Buchi da anni in attesa di essere riparati fanno filtrare acqua dal tetto della struttura e anche ieri sera poco è mancato che gli atleti concludessero i loro allenamenti finendo “annacquati”. Ma il problema non riguarda solo chi frequenta il palazzetto ma la struttura stessa che rischia danni incalcolabili. Per evitare infiltrazioni dannose il parquet dell’impianto è stato coperto da striscioni pubblicitari. Una condizione dunque di precarietà senza sosta, quella che vive da anni, non solo adesso, il palazzetto. Le amministrazioni comunali finora succedutesi hanno dato poco peso alle condizioni precarie della struttura ed evidentemente poco ascolto alle rimostranze di chi fa sport, costretto a convivere, come può, con disagi ripetuti. Il palazzetto dovrebbe essere tenuto come un gioiello della città, anche in onore dello sport sulmonese e con rispetto per chi lo pratica. Invece nel palazzetto si continua a dover vivere sott’acqua, fin quando l’ossigeno della pazienza non si consumerà.