“STAGIONE FORMIDABILE”, TORNANO GLI SPETTACOLI DELLA CAMERATA MUSICALE

Diciannove concerti, 500 artisti, di otto nazioni. Sono i numeri della 65esima stagione della Camerata Musicale Sulmonese che si aprirà domenica 22 ottobre, con l’Orchestra sinfonica del Conservatorio “Luisa D’Annunzio” di Pescara. “Una stagione formidabile” hanno detto subito il presidente della Camerata, Antonio Tanturri e il direttore artistico Gaetano Di Bacco, presentando i diciannove appuntamenti tra concerti, balletti, opera e operetta, jazz e pop che caratterizzeranno la stagione. Agli appuntamenti canonici del fine settimana si aggiungerà la rassegna dei Concerti del Giovedi e tre appuntamenti dedicati alle “Metamorfosi in musica” per celebrare il Bimillenario Ovidiano. “Nella musica e soprattutto all’estero la poesia ovidiana ha avuto un’influenza rilevante – ha sottolineato Di Bacco – da qui è nata l’idea di questi concerti celebrativi del bimillenario”. “La Camerata Musicale resta, come sempre è stata, un’istituzione culturale di altissimo livello e di grande prestigio, non solo regionale – ha detto il sindaco Annamaria Casini – per questo il sostegno economico a questa blasonata istituzione non verrà mai meno da parte del Comune”. Il Comune quest’anno ha stanziato trentamila euro che si aggiungono ai cinquantaduemila euro del Ministero dei Beni culturali. Sponsor ufficiali della stagione sono anche la Fondazione Cassa di Risparmio dell’Aquila, la Bcc di Pratola Peligna, la Conad Pingue, in occasione del quarantennale della nascita dell’azienda, Farmacia Centrale De Monte e azienda Pantex. “Con grande piacere e con immensa stima per l’opera valorosa che la Camerata Musicale e i suoi dirigenti svolgono in questa città da sessantacinque anni la Fondazione Carispaq anche per questa stagione ha fatto la sua parte e in futuro continuerà a farla” ha sottolineato Armando Sinibaldi, vice presidente della Fondazione, esaltando l’elevato livello di spettacoli e la promozione culturale che ogni anno, dal 1953, è frutto della Camerata Musicale. Nella stagione, con un concerto in febbraio, sarà ricordato anche il quinto anniversario della scomparsa di Filippo Tella, che insieme a Vincenzo Masci, è stato tra i fondatori dell’istituzione, curando fino ai suoi ultimi giorni l’organizzazione dell’istituzione. Il cartellone 2017-2018 è costato un impegno economico di 200.000 euro. L’abbonamento Gold costerà 150 euro, valido per tutti gli spettacoli. L’ordinario sarà di 125 euro. I giovani fino a 25 anni potranno abbonarsi con una spesa di sole cinquanta euro.