DONNE RURALI DI ANVERSA, ESEMPIO DI RESILIENZA E SOLIDARIETÀ

Nove donne, provenienti da background diversi ma unite dalla passione per la montagna e la volontà di migliorare la vita sociale nei piccoli paesi di montagna, hanno dato vita a un’iniziativa che sta cambiando il volto di Anversa degli Abruzzi. Fondando l’associazione “Donne Rurali”, queste donne non solo stanno creando opportunità economiche e sociali nel cuore delle Gole del Sagittario, ma stanno anche dimostrando il potenziale delle comunità rurali nell’affrontare le sfide contemporanee.

La presidente dell’associazione, Manuela Cozzi, agronomo di 42 anni trasferitasi da Firenze, insieme al pastore Nunzio Marcelli, ha fondato la cooperativa agricola Asca e l’azienda agrituristica “Bioagriturismo La Porta dei Parchi”. La loro missione è stata quella di creare posti di lavoro e promuovere lo sviluppo sostenibile in una zona che stava vedendo un progressivo spopolamento.

Oltre a Cozzi, le “Donne Rurali” comprendono una variegata gamma di professionisti, tra cui una marchigiana che lavora per una società di Cambridge, una veneta che si occupa del recupero della lana delle pecore locali e una torinese ingegnere forestale specializzata nella formazione in natura. Queste donne portano con sé non solo le loro competenze, ma anche la loro esperienza personale e la loro determinazione nel creare un cambiamento positivo.

Secondo Cozzi, il potenziale delle donne nelle comunità rurali è spesso sottovalutato. Sono loro, infatti, a percepire in modo più acuto le difficoltà legate alla mancanza di servizi e infrastrutture nelle aree interne. La loro presenza attiva nell’associazione non solo porta avanti progetti concreti, ma contribuisce anche a una maggiore consapevolezza delle esigenze del territorio.

L’associazione “Donne Rurali” non si limita a creare posti di lavoro, ma si impegna anche a promuovere un benessere collettivo, basato sull’idea di “ben-vivere”. Attraverso eventi legati alla filiera delle fibre tessili naturali, feste multiculturali e attività formative in natura per bambini, queste donne stanno creando legami più forti nella comunità e promuovendo uno stile di vita sostenibile e inclusivo.

Il loro lavoro non è solo un esempio di resilienza e solidarietà, ma anche una testimonianza del potenziale delle donne nel plasmare il futuro delle aree rurali. Con la loro determinazione e la loro capacità di comprendere e affrontare le sfide locali, le “Donne Rurali” di Anversa degli Abruzzi stanno dimostrando che il cambiamento positivo può nascere anche dai luoghi più remoti e apparentemente dimenticati.

Domenico Verlingieri