VELENI NEL PARTITO DEMOCRATICO, CHIESTA L’ARCHIVIAZIONE PER CINQUE EX MILITANTI

Insieme hanno vinto le elezioni riuscendo nell’impresa di battere Andrea Gerosolimo e di portare alla guida della Città Gianfranco Di Pietro. Grazie a loro il Partito Democratico è risultato il più votato portando in consiglio comunale ben quattro consiglieri. Ma la luna di miele è durata troppo poco tanto che subito dopo le elezioni, sono iniziati i veleni nel circolo cittadino di Corso Ovidio con il direttivo che si è frantumato. E come quando succede quasi sempre in questi casi, sono volati gli stracci e le denunce che hanno portato gli ex “compagni” di partito a denunciarsi. L’altro giorno, per una di queste denunce, il pubblico mistero ha chiesto l’archiviazione.”Il tono e le parole sono taglienti, sferzanti, perchè esprimono un totale dissenso ideologico ma non possono essere qualificati come inutilmente umilianti nè ingiustificatamente aggressivi. Inoltre sussiste la verità della notizia riportata”. È la motivazione con cui Mariotti, ha chiesto l’archiviazione al Gip per gli ex militanti del Pd Alessandro De Panfilis, Carlo Piccone, Salvatore Di Cesare detto Ting Tong, Antonio Del Boccio e Rosella Tonelli, ex militanti del pd che lo scorso 23 giugno, in una nota diffusa alla stampa, avevano preso le distanze dal partito schierandosi e seguendo l’ex presidente del partito Teresa Nannarone. La vicenda riguarda il bando della refezione scolastica a cui aveva risposto una sola ditta, amministrata dal commercialista associato allo studio professionale in cui lavora il consigliere comunale, Mimmo Di Benedetto. I cinque nel comunicato parlavano di “comportamenti orientati alla ricerca del potere” e di “pericolosa commistione di ruoli amministrativi e politici tra assessore e segretario di circolo Franco Casciani”. Toni diffamatori per Di Benedetto e Casciani, i quali si sono rivolti all’avvocato Vittorio Masci, loro avversario in consiglio comunale, per sporgere querela nei confronti degli ex “compagni”. Ma secondo quanto sostiene il Pubblico ministero Mariotti, il comportamento degli ex militanti del Pd non costituisce reato. Da qui la richiesta di archiviazione per i cinque che nella vicenda giudiziaria sono difesi proprio dall’avvocato Teresa Nannarone.

One thought on “VELENI NEL PARTITO DEMOCRATICO, CHIESTA L’ARCHIVIAZIONE PER CINQUE EX MILITANTI

  • Il reato è stato di votarli !!!!

I commenti sono chiusi.