DONNA FINISCE SOTTO PROCESSO PER MANIFESTAZIONE NON AUTORIZZATA, IL GIUDICE L’ASSOLVE

Per il giudice del tribunale di Sulmona organizzare manifestazioni senza preventiva autorizzazione non costituisce reato. È in estrema sintesi l’esito del processo che si è concluso con l’assoluzione dell’imputata, Rossella Tirimacco 57enne di Sulmona, che si è tenuto ieri nel palazzo di giustizia di piazza Capograssi. Secondo il giudice Concetta Buccini, il fatto di aver organizzato la manifestazione no green pass senza essere autorizzata dalla questura dell’Aquila, non costituisce reato. I fatti risalgono all’8 gennaio 2022, quando era ancora in atto lo stato di emergenza proclamato dal governo.

La manifestazione no green pass di piazza XX Settembre

Quel giorno il movimento no green pass aveva programmato una conferenza stampa al mattino in piazza XX Settembre per illustrare ragioni e iniziative mentre nel pomeriggio era stata fissata la manifestazione pacifica nella centralissima piazza Garibaldi, quest’ultima regolarmente autorizzata dal questore. Ne è scaturito un procedimento per la 56 enne di Sulmona e per il promotore dell’evento che dovrà affrontare un processo per l’articolo 18 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza, secondo il quale “i promotori di una riunione in luogo pubblico o aperto al pubblico, devono darne avviso, almeno tre giorni prima, al Questore. Se l’organizzatore dell’evento andrà a processo in altro procedimento, la posizione della donna è stata invece, stralciata con il rito abbreviato celebrato ieri nel corso del quale l’avvocato difensore, Massimo Carugno, ha ricordato due recenti disposizioni della Corte Costituzionale, secondo la quale chi interviene ma non organizza riunione non autorizzata non ha alcuna responsabilità poichè la condotta non viene intesa come partecipazione attiva. E’ proprio il caso della Tirimacco che era intervenuta nella conferenza ‘irregolare’ ma non l’aveva organizzata nè sapeva che il Questore aveva negato l’autorizzazione. “Si tratta di procedimenti che vanno solo ad ingolfare il sistema della giustizia”, è stato il commento della donna subito dopo aver incassato l’assoluzione.

2 commenti su “DONNA FINISCE SOTTO PROCESSO PER MANIFESTAZIONE NON AUTORIZZATA, IL GIUDICE L’ASSOLVE

  • Si sa bene come il sistema di giustizia non solo ingrassa ma non funziona come dovrebbe.

I commenti sono chiusi.