SULMONA HA CELEBRATO IL 25 APRILE

Sulmona questa mattina ha celebrato il 25 aprile, 68esimo anniversario della Liberazione con la deposizione della corona al monumento ai caduti. Sobria cerimonia a cui hanno partecipato le massime autorità civili e militari, il Vescovo Angelo Angelo Spina,  il comandante della scuola penitenziaria Giuseppe Ninù con picchetto d’onore degli allievi, le associazioni combattentistiche e d’arma, volontari della Protezione civile e Croce Rossa, gli organizzatori del Freedom Trail che partirà domani (clicca qui) e rappresentanti della Brigata Majella. Davanti a una folta platea di cittadini, il commissario straordinario del Comune di Sulmona ha sottolineato il valore dell’italianità che unisce. Un discorso non retorico, che ha distinto l’amore per la patria e l’apertura al dialogo con gli altri paesi, alla condivisione. Ha ricordato l’importanza  di questa giornata che rappresenta un momento di condivisione, in cui il popolo si riconosce nei valori comuni.  Ha citato le parole di Calamandrei  relative all’origine della nostra costituzione, che si trova sulle montagne dove caddero i partigiani, nelle carceri dove furono imprigionati e nei campi dove furono impiccati “Dovunque è morto un italiano per riscattare libertà e la dignità, andate lì o giovani col pensiero, perché lì è nata la nostra costituzione” . Prima di concludere ha ripreso un famoso brano tratto dal “Diario di Anna Frank”: “È un gran miracolo che io non abbia rinunciato a tutte le mie speranze perché esse sembrano assurde e inattuabili. Le conservo ancora, nonostante tutto, perché continuo a credere nell’intima bontà dell’uomo che può sempre emergere”.

 

foto25aoprile9 foto25aprile foto25aprile0 foto25aprile1 foto25aprile3 foto25aprile5 foto25aprile6 foto25aprile7 foto25aprile10 foto25aprile11 foto25aprile12 foto25aprile13 foto25aprile16 foto25aprile17 foto25aprile19 foto25aprile8 foto25aprile14

FOTO25APRILE121212 foto FOTO25APRILE1111



Il tuo commento