PRATOLA, MURALES DI ALESSIO ESPOSITO SFREGIATO DAI VANDALI

A Pratola Peligna un vile atto di vandalismo ha scosso un’intera comunità. Il murales dedicato ad Alessio Esposito, giovane tragicamente scomparso in un incidente stradale lo scorso anno, è stato imbrattato con una bomboletta spray, cancellando il ritratto del volto del giovane.

L’opera, magistralmente realizzata da Enzo Crugnale, é diventata un punto di riferimento emotivo per la città, in via Pola nei pressi dell’oratorio parrocchiale, su iniziativa dell’associazione Spazio Giovane che, ora, si unisce alla voce indignata della cittadinanza per condannare questo gesto spregevole.

“Non abbiamo più parole per descrivere questi atti di inciviltà che ormai sembrano aver raggiunto il culmine”, dichiarano dall’associazione. “Con questo gesto, non solo è stato compiuto un atto vandalico, ma sono stati annientati i principi etici e morali. È stato distrutto il ricordo di Alessio Esposito, un ragazzo splendido che ora viene ricordato con ancora più forza e amore. Questo gesto ha scalfito il sentimento di speranza che avevamo nei confronti delle future generazioni”.

Il sindaco Antonella Di Nino ha espresso la sua ferma condanna, definendo l’atto come un segno di inciviltà assoluta. “In un momento in cui ci prepariamo ad accogliere la festa della nostra Madonna della Libera registriamo un atto di inciviltà assoluta. Auspichiamo che la cattiveria lasci spazio alla serenità e alla solidarietà. Qualunque sia stato il motivo dietro questo gesto ignobile, deve essere condannato senza riserve”.

Tanta tristezza e sgomento provocati da questo atto vandalico che deve fare riflettere affinché la speranza e l’amore possano sempre prevalere sull’odio e sull’ignoranza.

Domenico Verlingieri