EREDITÀ CONTESA A PRATOLA, SEQUESTRO DA 450MILA EURO SUI CONTI DEI NIPOTI

Si allarga la vicenda sull’eredità contesa dell’anziana di Pratola Peligna, Anita Vallera di 90 anni, deceduta nei mesi scorsi proprio nel pieno delle indagini. La guardia di finanza di Sulmona ha eseguito nella mattinata di ieri il decreto emesso dal giudice per le indagini preliminari del tribunale di Sulmona, Francesca Pinacchio, che ha disposto il sequestro preventivo di 450 mila euro, finalizzato alla confisca, sui conti correnti dei cinque indagati per circonvenzione d’incapace, tutti parenti della 90enne. Qualora non sufficienti, il sequestro preventivo riguarderà anche gli immobili e i veicoli intestati agli indagati. Il sequestro, chiesto ed ottenuto dal sostituto procuratore, Stefano Iafolla, riguarda anche l’intero asse ereditario dell’anziana contesa. A far scattare l’inchiesta era stata la denuncia della vicina di casa. L’anziana, le cui condizioni di salute si erano aggravate nell’ultimo periodo, è morta nell’abitazione di una vicina di casa che aveva nominato, nel 2021, come erede universale davanti al notaio. La storia ha avuto più di una coda giudiziaria. Tre i fascicoli aperti nel filone penale della Procura della Repubblica. Il primo vede indagate cinque persone, tra nipoti e parenti, per circonvenzione d’incapace. Dall’inchiesta principale è scaturito un secondo procedimento che coinvolge solo un 57enne, parente dell’anziana, che aveva ottenuto un testamento olografo sequestrato dal pm. L’’accusa, è legata alla “distrazione” di 450 mila euro dal conto della donna, ancora da riscontrare nell’incidente probatorio nel corso del quale il gip, lo scorso 14 settembre, aveva designato un perito. Sotto inchiesta è finita anche la vicina per l’estratto conto effettuato in banca con il bancomat dell’anziana. Il filone civile per la nomina di un amministratore si è chiuso con la morte della 90enne. Le nipoti dell’anziana avevano evidenziato l’inopportunità della scelta di nominare come amministratore provvisorio proprio la madre della vicina designata erede universale. Circostanza che aveva spinto giudice e pm a recarsi a casa della 90enne per un sopralluogo. Lo scenario che si apre è il più complicato e delicato poiché di mezzo c’è l’eredità contesa tra il fratello della donna, la giovane nominata davanti al notaio e gli altri congiunti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *