SULMONA INDIETRO DI UN SECOLO E MEZZO, NEL 2041 PERDERA’ UN QUARTO DEGLI ABITANTI

Nel 2041 l’Abruzzo avrà 100 mila abitanti in meno. A farne le spese sarà maggiormente Sulmona che si pone all’ultimo posto della graduatoria sia per valori assoluti che per quelli percentuali e che al 31 dicembre 2041, avrà perso 1⁄4 della popolazione, attestandosi sui 16.744 abitanti. Tale valore riporterà Sulmona indietro di un secolo e mezzo (intorno al 1875)”. La previsione, sulla base di dati Istat, è dell’economista Aldo Ronci che calcola per l’Abruzzo in generale una perdita di 100 mila abitanti.

Aldo Ronci

In 19 anni infatti, l’Abruzzo decrescerà dell’8,33% con un’intensità pari al doppio di quella dell’Italia, che sarà del 4,83%. La previsione, sulla base di dati Istat, è dell’economista di Sulmona Aldo Ronci. La popolazione abruzzese, che al 31 dicembre 2022 contava 1.166.562 abitanti, perderà un numero di cittadini pari a quelli di Pescara, portando la regione, a livello demografico, indietro di un secolo. Il calo della popolazione sarà causato, spiega Ronci, “da un fenomeno allarmante: da una parte la decrescita di 200 mila abitanti di età compresa tra 0 e 64 anni; dall’altra la crescita stratosferica di 100 mila abitanti di età tra 65 e oltre. Questi scompensi nella composizione della popolazione per classi di età creeranno squilibri nel rapporto tra generazioni a svantaggio della popolazione potenzialmente più attiva e produttiva, con implicazioni allarmanti di carattere sociale ed economico”. Nello scenario che Ronci dipana è previsto anche che “l’unico capoluogo che registrerà una crescita è L’Aquila +1.150. Negli altri capoluoghi le flessioni saranno a Pescara ‐4.520, a Teramo ‐6.245, a Chieti ‐6.037. Dal 31.12.22 al 31.12.41 tra i comuni con più di 15.000 abitanti cresceranno soltanto Martinsicuro (+626) e Silvi (+7). Per il resto si prevedono flessioni più o meno pesanti. Si evidenzia che cresceranno o decresceranno poco, buona parte dei comuni che si trovano sul mare. Discorso a parte per Sulmona, nel ruolo di fanalino di coda.

One thought on “SULMONA INDIETRO DI UN SECOLO E MEZZO, NEL 2041 PERDERA’ UN QUARTO DEGLI ABITANTI

  • Se gli abitanti continueranno ad essere avvelenati dalla discarica Cogesa,
    la maggior parte dei mancanti saranno quelli morti di vari cancri ormai galoppanti.
    Vedete voi che sapete cosa succede !!!!!!

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *