SEMAFORI INCROCIO VIA DE NINO-VIA ANGELONI, SARANNO RIMOSSI PER IL “DECORO URBANO”

Migliorare il decoro urbano e tutelare il patrimonio storico-artistico della città. Perseguendo tale obiettivo lunedì prossimo, 18 dicembre, saranno rimossi i semafori nell’incrocio tra via De Nino, via Angeloni, via Pansa e la piazzetta di San Domenico. E’ quanto dispone un’ordinanza emessa dal comandante della polizia locale di Sulmona, Domenico Giannetta, su richiesta dell’amministrazione comunale.

Come si legge nel provvedimento “tra gli obiettivi dell’ente, vi è quello di migliorare il decoro della città, la qualità e la sicurezza nella percorribilità pedonale e carrabile delle strade cittadine, anche al fine di diminuirne la pericolosità nell’utilizzo da parte della pubblica utenza”. La rimozione dei semafori è motivata anche dal fatto che l’incrocio in questione “registra dei flussi veicolari sufficientemente ridotti sia durante gli orari in cui vige la Ztl che nelle fasce orarie di ingresso per tutti i veicoli e anche in assenza di impianto semaforico funzionante, non sono stati rilevati incidenti stradali”. Nel provvedimento si rileva che uno dei semafori è installato a ridosso dell’ingresso del Teatro “Maria Caniglia” in via De Nino, mentre l’altro palo di sostegno delle lanterne semaforiche è in corrispondenza della facciata della chiesa di San Domenico, lato via Pansa. Edifici aventi valore estetico ed artistico, tutelato da vincoli del Ministero dei Beni Ambientali e Culturali e della Soprintendenza per i Beni Ambientali, Architettonici Artistici e Storici per l’Abruzzo (decreto 22 febbraio 1996). Il decoro dell’abitato, in quest’area del centro storico, è svalutato quindi dalla presenza dell’impianto semaforico per dimensioni, forma e colori.

3 commenti su “SEMAFORI INCROCIO VIA DE NINO-VIA ANGELONI, SARANNO RIMOSSI PER IL “DECORO URBANO”

  • Sicuramente brutti, come anche le luci led bianche a ridosso del centro storico zona Porta Pacentrana. Ci vorrebbe una visione più consapevole e competente dell’arredo urbano. Speriamo non ci siano incidenti … staremo a vedere !

  • bene,il borgo piu’ bello d’italia,sara’ vero? Molto probabilmente il borgo dell’incontrario,sospesi i servizi essenziali/primari,cancellati i restanti,si pensa alla svalutazione dell’abitato, la logica delle chiacchiere per dare a credere,irrazionale e’ poco,e basta,o no?

    1
    1
    • E del pericoloso, non estetico, fatiscente groviglio di cavi elettrici, telefonici, tv che penzolano, posticci, su larga parte delle facciate degli “Edifici aventi valore estetico ed artistico” (ndr) del Corso Ovidio ?
      Che dire?
      Guardate in giù e non per aria ?

      Che dice il settore/uffici preposti al controllo dello stato degli “arredi urbani” ?

      Rimuoviamo i presidi di sicurezza e lasciamo i cavi volanti come stelle filanti nel sempiterno carnevale della loro appariscenza ?

      Per non parlare dei CHIODI infissi nei blocchi lapidei delle arcate dell’acquedotto svevo per ancorare le luminarie ?

      Forse il ricorso a tale tecnica rientra tra gli obiettivi sperimentali dell’ente, per dare stabilità al decoro natalizio della città ?

I commenti sono chiusi.