ANCHE LAVORATORI DELLA MARELLI DI SULMONA A TORINO PER IL RICORDO DI SERGIO MARCHIONNE

Condividi

Anche una piccola rappresentanza dei lavoratori dello stabilimento Magneti Marelli di Sulmona ha partecipato questa mattina alla messa di suffragio del manager Sergio Marchionne, a due mesi dalla scomparsa. In duemila erano stipati lungo le navate del Duomo di Torino, tra dirigenti industriali, esponenti del mondo della finanza, autorità civili e militari, impiegati, operai e semplici cittadini che hanno voluto rendere omaggio alla memoria del manager, originario di Chieti. Tra i banchi anche i parenti di Marchionne venuti dall’Abruzzo. “Per noi partecipare a questa celebrazione religiosa, in ricordo di un grande uomo come Marchionne, è stato ancor più toccante e significativo, proprio ripensando alle sue origini abruzzesi –  hanno detto i lavoratori della Marelli di Sulmona, a conclusione del rito – abbiamo avvertito tutti una commozione particolare”. Il rito è stato presieduto dall’arcivescovo di Torino, Cesare Nosiglia. Il discorso commemorativo, a fine celebrazione, è stato pronunciato da John Elkann, presidente di Fca.

Condividi