STADIO PALLOZZI SENZA MANTO SINTETICO, IL PRESIDENTE DEL SULMONA PRONTO A RICONSEGNARE LA SQUADRA

Condividi

E’ pronto a riconsegnare la squadra del Sulmona calcio nelle mani dell’amministrazione comunale se in tempi rapidi non saranno avviati i lavori di realizzazione del nuovo manto sintetico sul terreno dello stadio Pallozzi. La minaccia viene dal presidente della società biancorossa, Piergiorgio Schiavo, che davanti all’ennesima promessa mancata da parte dell’amministrazione comunale è deciso a sciogliere la società perché nell’impossibilità di portare avanti un progetto serio messo nella condizione di guardare al futuro, poiché le squadre giovanili non hanno un campo sul quale allenarsi. Attualmente utilizzano il campo del complesso sportivo Fiat che tra qualche mese sarà smantellato per fare posto ad un nuovo padiglione della fabbrica. Con l’indisponibilità del Mezzetti, in pieno abbandono e degrado, non c’è la disponibilità di un impianto sportivo a disposizione delle giovanili e delle scuole di calcio. “Abbiamo saputo che anche il prossimo campionato dovremo giocarlo in condizioni di estrema precarietà – dice Piergiorgio Schiavo – le docce negli spogliatoi non funzionano da due anni e ogni partita casalinga siamo costretti a pagare multe, il terreno di gioco assomiglia più ad un campo di patate che ad uno stadio di calcio e se non fosse per l’addetto al campo che paghiamo di tasca nostra sarebbe addirittura impraticabile”. Solo quindici giorni fa l’assessore ai Lavori pubblici, Nicola Angelucci, illustrando in aula consiliare il bilancio e nei giorni seguenti parlando dello stadio Mezzetti che andava risistemato aveva dato assicurazioni per rifare in tempi brevi il terreno del Pallozzi in sintetico, prima dell’inizio del prossimo campionato. Invece la realtà è ben diversa. Non esiste ancora un progetto e soprattutto non è stata indetta una gara d’appalto. E siamo ormai agli inizi di giugno, il periodo propizio per iniziare i lavori. L’ennesima brutta figura per la città con un’amministrazione che riesce a fare tante parole e pochi fatti, soprattutto da parte dell’assessore allo Sport e ai Lavori pubblici, che ultimamente è stato premiato con la delega di vice sindaco.

Condividi