“E PENSARE CHE C’ERA IL PENSIERO”