MARELLI, NESSUNA GARANZIA: I SINDACATI CHIEDONO TAVOLO ISTITUZIONALE

“Nessuna garanzia è emersa sul mantenimento dei livelli occupazionali e di manutenzione/ammodernamento degli impianti e dello stabilimento, anzi, semmai è stato confermato un cospicuo numero di esuberi che sfiora il 20% dell’attuale forza lavoro”. A rimarcarlo sono le Rsu di Fim, Fiom, Uilm e Uglm, che chiedono una presa di posizione alla politica regionale e locale, attraverso una lettera aperta. Dal 19 agosto scatterà il contratto di solidarietà allo stabilimento Marelli di Sulmona mentre la commessa Ducato resterà a disposizione fino al 2031. Le rassicurazioni arrivate sul tavolo romano non fermano le preoccupazioni delle organizzazioni sindacali. “Alla politica locale e regionale chiediamo una convinta presa di posizione e, come avvenuto in altre regioni del Paese, l’avvio di un tavolo di confronto sullo stabilimento sulmonese, il quale rappresenta uno dei tanti tasselli del complicato mosaico del mondo automotive della regione Abruzzo”- scrivono le Rsu secondo le quali “il ricorso alla cassa integrazione da parte di Sevel a partire da inizio luglio, che per simbiosi ha fatto automaticamente scattare gli ammortizzatori sociali anche a Sulmona, non è certo foriero di buoni presagi per lo stabilimento Marelli, basti pensare che proprio nell’incontro del 20 giugno l’azienda Marelli ha già prospettato per il prossimo futuro per Sulmona un ulteriore e lungo periodo di ammortizzatori sociali, in qualche modo evidenziando che nella simbiosi con Sevel, Sulmona è comunque parte debole e con esuberi”. (Ansa)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *