DISCARICA COGESA: INSTALLATE CENTRALINE PER MONITORAGGIO QUALITÀ DELL’ARIA

Questa mattina, l’Arta Abruzzo ha installato due centraline per il monitoraggio della qualità dell’aria nei pressi della discarica del Cogesa. L’intervento si è reso necessario dopo l’incendio colposo del 18 giugno scorso, avvenuto nell’impianto TMB, che ha sollevato preoccupazioni tra la popolazione locale.

Il laboratorio mobile dei tecnici dell’agenzia regionale è stato posizionato per raccogliere dati sull’aria e valutare la salubrità dell’ambiente circostante. La fase iniziale dello studio durerà un mese, durante il quale l’Arta analizzerà in dettaglio la qualità dell’aria. Successivamente, seguirà una seconda fase di monitoraggio con modalità differenti.

Parallelamente, la Asl ha avviato una campagna di screening di massa per la prevenzione dei tumori. L’iniziativa, decisa nelle scorse settimane durante un tavolo tecnico che ha coinvolto Asl, Arta Abruzzo, Comune e Regione, mira a verificare se esiste un collegamento tra l’impianto di smaltimento rifiuti di Cogesa e i ricoveri registrati negli ultimi anni a Sulmona.

Nei giorni scorsi, la Asl 1 ha informato il sindaco Gianfranco Di Piero che il laboratorio mobile dell’azienda sanitaria sarà allestito in città dal 17 al 31 luglio. Nelle prime due giornate, il truck sarà posizionato nella frazione Marane di Sulmona, vicino all’impianto del Cogesa, dove da anni la popolazione lamenta cattivi odori attribuiti al funzionamento della discarica. Dal 19 luglio, il laboratorio mobile sarà trasferito al palazzetto dello sport di via XXV Aprile per accogliere tutta la popolazione residente.

Lo screening, gratuito e su base volontaria, offrirà una serie di prestazioni sanitarie: visite dermatologiche, cardiologiche e pneumologiche, spirometria, pap test e mammografie. Inoltre, la Asl distribuirà materiale informativo utile per la prevenzione e la diagnosi del tumore del colon retto.

Il sindaco Gianfranco Di Piero ha espresso gratitudine ai tecnici dell’Arta per il loro impegno nella risoluzione di una problematica che riguarda l’intera collettività.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *