SULMONA: SUCCESSO DI “GIALL’ESTATE”, MA È POLEMICA SULL’ORDINANZA DELLA MOVIDA

Sulmona si è colorata di giallo ieri sera grazie all’evento “Giall’estate”, un’iniziativa che ha visto la collaborazione delle associazioni “Sic parvis magna”, “Dream on”, e “Sulmona fa centro” con il supporto del Comune. L’evento ha portato una ventata di allegria e vivacità nel cuore del centro storico, animando le strade con una serie di iniziative coinvolgenti.

Le facciate dei monumenti storici sono state illuminate di giallo, creando un’atmosfera magica e suggestiva. Le vetrine e gli spazi delle attività commerciali si sono vestiti a festa, con decorazioni gialle che hanno reso l’ambiente ancora più accogliente. La serata ha offerto momenti di intrattenimento variegati, con artisti di strada, musica e mascotte danzanti che hanno catturato l’attenzione di grandi e piccini.

La manifestazione ha coinciso con l’inizio dei saldi estivi. Tuttavia, non sono mancate le proteste legate all’ordinanza sulla movida emanata dal sindaco.

L’ordinanza prevede una deroga alla musica fino all’una solo per alcuni eventi selezionati del cartellone estivo. Questi includono le serate legate alla Giostra Cavalleresca del 20, 25, 27 e 28 luglio, le feste del 2, 3 e 4 agosto, le dieci serate del Muntagninjazz dal 7 al 17 agosto (escluso Ferragosto), e il concerto dei Nomadi del 22 agosto. Anche “Giall’estate” ha beneficiato di questa deroga, con la musica fino all’una.

Ma questa concessione non si estende ai commercianti del centro storico, che sono tenuti ad abbassare il volume della musica tutte le sere, ad eccezione dei sabati di luglio e agosto. Nel resto della settimana, la musica deve fermarsi entro le 24, nonostante le temperature estive attirino numerosi turisti e residenti nelle strade del centro.

Questa disparità ha sollevato proteste tra i commercianti di corso Ovidio, che parlano di discriminazione. Inoltre, l’ordinanza non menziona due eventi molto attesi: la Notte bianca del 24 agosto e il concerto di Antonello Venditti il 20 settembre. Per quest’ultimo, la conclusione è prevista entro mezzanotte, quindi non richiede una deroga. La Notte bianca, invece, con la musica che si protrarrà fino all’alba, necessita di un’ordinanza specifica, ancora in attesa di approvazione.

Nonostante le polemiche, “Giall’estate” ha portato colore e vitalità a Sulmona, dimostrando ancora una volta la capacità della città di creare eventi memorabili che valorizzano il suo patrimonio storico e culturale. Speriamo che si possano trovare soluzioni equilibrate per consentire a tutti di godere delle serate estive nel migliore dei modi.

2 thoughts on “SULMONA: SUCCESSO DI “GIALL’ESTATE”, MA È POLEMICA SULL’ORDINANZA DELLA MOVIDA

  • Le cose accadono nella loro complessità . Chi ha orecchie per intendere intenda . Dalle 20 alle 22 l’elegante tramonto si è fuso con il Trittico e con suoni mai ascoltati in centro . Poi nel proseguo sicuramente da curare. . Pare abbia letto I dischetti del NOSMO .

    Risposta
  • Sulmona deve trovare il modo di valorizzare i propri monumenti mozzafiato con una illuminazione che dia il giusto risalto tutto l’anno al nostro imponente patrimonio monumentale.
    Non possiamo valorizzarlo solo una volta l’anno e che diamine, diamoci una mossa. Bisogna pensarci a queste cose..

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *