MICOCHERO: ULTIMO TEST PER POI TENTARE L’IMPRESA

Dopo le prime due gare a Vallelunga e al Mugello, il Trofeo RR Cup si prepara a ripartire con la terza prova in programma il prossimo 30 giugno a Misano Adriatico. Questa gara si preannuncia già decisiva per il pilota sulmonese Christian Micochero, impegnato nella difficile impresa di bissare il successo ottenuto lo scorso anno nella classe regina.

Il centauro ovidiano ha ottenuto due ottime prestazioni all’esordio in campionato, conquistando due terzi posti. Questi risultati lo mantengono pienamente in corsa per il titolo, ma sarà necessario un ulteriore passo avanti per scalfire il dominio di Puglisi, che quest’anno ha ottenuto due vittorie su due, viaggiando a punteggio pieno.

Il pilota romano è cresciuto notevolmente rispetto allo scorso anno e sembra aver acquisito una grande confidenza con la velocissima BMW fornita dal team PistardRacing, campione italiano del National Trophy 1000. Se c’è qualcuno in grado di battere un binomio così forte, questo è proprio Micochero. Il circuito di Misano, infatti, si adatta particolarmente bene alle sue capacità di guida, favorendo più il talento del pilota che le prestazioni del mezzo.

Il portacolori del Motoclub Abruzzo non lascia nulla al caso. Ha già partecipato al primo test organizzato sul circuito romagnolo durante questa lunga pausa e il prossimo 20 giugno prenderà parte al secondo, per assicurarsi di essere al top della condizione fisica e tecnica.

Christian Micochero sa che per vincere a Misano sarà necessaria la gara della vita, ma con la sua determinazione e il supporto del team, è pronto a dare il massimo per tornare sul gradino più alto del podio e rilanciare la sua sfida per il titolo del Trofeo RR Cup.

Misano Adriatico è pronta a ospitare una gara che si annuncia emozionante e decisiva per le sorti del campionato. Gli appassionati di motociclismo possono aspettarsi uno spettacolo avvincente, con Micochero determinato a inseguire il sogno della rivincita contro un avversario agguerrito come Puglisi.

Domenico Verlingieri

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *