EDUCAZIONE AMBIENTALE: STUDENTI PROTAGONISTI A PRATOLA PELIGNA

Nelle giornate del 17 e 30 maggio scorsi, ben 120 alunni della primaria dell’Istituto Comprensivo Gabriele Tedeschi di Pratola Peligna hanno preso parte a incontri di educazione ambientale che hanno lasciato un segno tangibile nella comunità scolastica. Questi eventi, organizzati in collaborazione con i dirigenti scolastici e le docenti, sono stati promossi dalla Diodoro Ecologia con l’obiettivo di sensibilizzare i giovani alla raccolta differenziata dei rifiuti, al riciclo e alla sostenibilità.

Durante le sessioni, i ragazzi hanno partecipato attivamente a lezioni interattive, video educativi, e test di valutazione, oltre ad essere stati coinvolti in stimolanti interrogazioni sul tema ambientale. L’iniziativa ha visto il coinvolgimento di diverse classi, tra cui la 2a, 2b, 2c, 3c, 3d, 5c e 5d, tutte unite nell’esplorare soluzioni pratiche per la salvaguardia dell’ambiente.

Il programma educativo non si è limitato alle mura scolastiche di Pratola Peligna: nell’anno scolastico 2023/24, il cartellone informativo di Educational Goal ha esteso la sua portata a 45 città, coinvolgendo 300 scuole e più di 6000 alunni delle primarie. Anche le scuole secondarie non sono state escluse, con la proiezione di film documentari che hanno approfondito temi cruciali legati all’ambiente.

Il coinvolgimento dei docenti non è passato inosservato: sono stati loro dedicati corsi di aggiornamento mirati sulla crisi climatica e ambientale, rafforzando così la preparazione degli educatori nell’affrontare queste tematiche cruciali con i loro studenti.

L’assessore all’ambiente, Antony Leone, ha espresso soddisfazione per l’iniziativa, sottolineando l’importanza di portare la sensibilizzazione ambientale direttamente nelle scuole. “È fondamentale”, ha dichiarato, “che le generazioni future crescano con una consapevolezza sempre maggiore della necessità di proteggere il nostro ambiente. Continueremo a promuovere attività simili nelle prossime settimane, coinvolgendo sia le famiglie che le aziende locali, per creare una rete di consapevolezza e azione a tutela del nostro territorio”.

La partecipazione attiva degli studenti pratolani e il supporto delle istituzioni educative sono un segnale chiaro del valore e dell’impatto positivo di un’educazione ambientale mirata e inclusiva. (d.v.)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *