DISCARICA COGESA, LA MAGGIORANZA DIFENDE IL SINDACO E ATTACCA L’OPPOSIZIONE

Sulla delicata vicenda della discarica di Noce Mattei e dei possibili effetti deleteri sulla salute dei cittadini intervengono i consiglieri di maggioranza. E lo fanno con un comunicato in cui difendono l’operato del sindaco puntando l’indice su parte dell’opposizione tenendo fuori Fratelli d’Italia che da qualche tempo, sembra condividere in toto la strategia amministrativa portata avanti dal sindaco Gianfranco Di Piero. Lo ha fatto nella vicenda dell’appalto per le mense scolastiche e lo sta facendo sia per quanto riguarda la discarica del Cogesa non prendendo posizione, sia per la palazzina di via Tratturo in cui pare sia coinvolto anche lo studio professionale di un consigliere di maggioranza che si sarebbe occupato di preparare la pratica per ottenere i benefici del Superbonus 110%.

“Parlano di atti secretati e della necessità di chiudere la discarica”, scrivono i consiglieri di maggioranza Di Benedetto, La Gatta, Febbo, D’Aloisio, Perrotta, Balassone e Petrella. “Alimentano disinformazione e allarme in tutta la popolazione. Strano modo di amministrare la cosa pubblica da parte di alcuni consiglieri di minoranza. Se da una parte l’avvocato Nannarone insinua, irresponsabilmente, il dubbio, che il documento dell’Istituto superiore della Sanità sia stato secretato, dall’altro i consiglieri di minoranza Di Rocco, Santilli e Proietti pretendono dal sindaco la chiusura della discarica. Così, i 4 insieme a Di Rienzo e La Porta chiedono un consiglio straordinario che accettiamo con piacere di convocare presto. Ma va chiarita subito una cosa: non ci presteremo ad operazioni che di politico hanno poco e che, invece, hanno solo lo scopo di infangare l’amministrazione attraverso azioni di mero sciacallaggio”. Secondo la maggioranza, il documento dell’Istituto superiore della sanità è stato fornito dal sindaco a tutti i consiglieri comunali e anche a Nannarone la quale potrebbe, anzi dovrebbe, informare la Città di eventuali omissioni o elusioni da parte del primo cittadino invece di gridare al complotto. “Le carte sono a disposizione di tutti e mai nessun documento è stato nascosto o taciuto da questa amministrazione – aggiungono – Fornire il documento a tutto il consiglio comunale significa avere informato l’intera Città che sa bene come il sindaco Di Piero e la sua maggioranza da sempre si siano interessati delle sorti del Cogesa sotto ogni punto di vista. E se oggi esiste un documento in cui finalmente si comincia a parlare dello stato di salute dei sulmonesi lo si deve proprio al nostro sindaco al quale Santilli e Di Rocco provano a fare la morale”. Quindi l’attacco dritto ai civici e ad Andrea Gerosolimo. “Gli stessi Santilli e Di Rocco che nella passata amministrazione erano seduti sui banchi della maggioranza ed hanno taciuto sulla gestione scriteriata del Cogesa omettendo di sorvegliare lo stato delle cose per assecondare il manovratore. L’attuale maggioranza, invece, non nasconde niente e non favorisce nessuno e con il sindaco fa esattamente quello che deve fare”. Il mirino si sposta quindi verso la consigliera regionale Antonietta La Porta, “che si è premurata sì, di chiedere un consiglio straordinario, ma che ancora tace su quanto stia fattivamente facendo, a livello regionale, sebbene il sindaco l’abbia invitata ad agire in tal senso”. In chiusura la maggioranza si schiera a difesa del primo cittadino. “Ebbene, i cittadini sanno che il sindaco non si sta sottraendo alle sue responsabilità ma che, con serietà e non sulla base di semplici opinioni personali quali sono quelle dei consiglieri di minoranza, sta ponendo in atto tutte le azioni e i passi per affrontare la problematica coinvolgendo tutti gli organi deputati a dare delle risposte. Chi come i sei consiglieri di minoranza sostiene il contrario o è in mala fede o è ignorante. Alimentare timori e preoccupazioni nell’opinione pubblica senza un dato scientifico certo è da irresponsabili. Noi da amministratori seri e accorti – concludono Di Benedetto e compagni – continueremo a mantenere alta l’attenzione e continueremo a cercare risposte certe e inequivocabili anche per la soluzione di questo problema”. Che è la cosa più importante e che si augurano tutti i cittadini di Sulmona, in particolare le famiglie che abitano a ridosso della discarica dei “veleni”.

3 thoughts on “DISCARICA COGESA, LA MAGGIORANZA DIFENDE IL SINDACO E ATTACCA L’OPPOSIZIONE

  • La Maggioranza difende l’operato del Sindaco….ma perché tutta la storia dell’inquinamento è venuta fuori grazie alla tenacia dello stesso?
    Basta per favore….non arrampicatevi sugli specchi…..
    possono rompersi.

    Risposta
  • Le discriche inquinano punto.
    Lì in quella zona ricche di acque sotterranee e dove i venti corrono sotto le pendici del Morrone mettono in circolzione i miasmi.
    Provate a fare dei prelievi con delle trivellazioni a base discarica. Le prescizioni già dettate sono state ottemperate?
    Risposta:

    Risposta
  • Le risposte sono in giro da anni ma non ascoltano perché non è loro responsabilità.
    Il solo fatto che si continui ad inquinare ed avvelenare ambiente e cittadini, lascia pochi dubbi sulle intenzioni o programmi dell’amministrazione comunale,
    Il Cogesa inoltre non ha le persone che almeno possano sanare un po’ questa situazione delinquenziale, per non dire di programmare e trasformarsi in azienda moderna e pulita.
    La magistratura tace e acconsente a operatori totalmente inutili ed impreparati.
    Peggio di così non si può.

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *