LOTTA NO SNAM, MANIFESTAZIONE A ROMA PER UN FUTURO SOSTENIBILE

Il coordinamento No Snam annuncia in un comunicato la partecipazione alla manifestazione che si svolgerà sabato 18 maggio di fronte al Ministero dell’Ambiente a Roma. La protesta, che coinvolgerà numerosi delegati provenienti da varie zone d’Italia, compresi cittadini attivi da oltre sedici anni contro il progetto Linea Adriatica della Snam, mira a far sentire la voce della comunità sotto i palazzi del potere decisionale.

Il comunicato sottolinea l’inutilità del progetto della Snam e accusa il governo di essere complice passivo delle multinazionali del settore fossile. La lotta dei manifestanti non si limita alla protesta, ma propone un nuovo modello di sviluppo economico incentrato sull’abbandono delle fonti energetiche fossili a favore di fonti rinnovabili, già oggi più competitive.

La definizione del Ministero come “dell’ambiente e della sicurezza energetica” viene giudicata ridicola, in quanto l’Italia continuerà a dipendere dalle importazioni di petrolio e gas fintanto che non adotterà un approccio basato su energie rinnovabili, come solare ed eolica, abbondanti sul territorio nazionale ma ostacolate dal governo a vantaggio di grandi corporazioni come Eni e Snam.

La manifestazione prevede la consegna al Ministero di una lettera aperta indirizzata al Ministro Pichetto Fratin, richiedendo chiarimenti sul progetto di investimento di due miliardi e mezzo di euro per un metanodotto di 430 chilometri e una centrale a Sulmona, considerati non solo inutili ma anche dannosi per l’ambiente e la sicurezza dei cittadini.

Tra le domande poste al Ministro figurano interrogativi sulla necessità di tali opere, considerando il crollo dei consumi di metano e i rischi ambientali legati alla realizzazione del progetto. Si solleva anche il problema della devastazione dell’Appennino, habitat naturale prezioso e corridoio faunistico dell’Orso bruno marsicano, oltre alla minaccia sismica delle aree coinvolte e il rischio di danneggiare siti archeologici di valore storico.

La manifestazione culminerà con una richiesta di risposte da parte del Ministro Pichetto Fratin, mettendo in discussione la sua volontà di dialogare con i cittadini o il suo silenzio sull’argomento. Per ulteriori informazioni sulla partecipazione alla manifestazione è possibile contattare i numeri telefonici forniti dall’organizzazione.

La lotta No Snam rappresenta un’importante voce critica nella discussione sul futuro energetico del paese e sulla necessità di adottare politiche sostenibili per preservare l’ambiente e la salute delle comunità locali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *