SPOPOLAMENTO SULMONA, LA UIL CHIEDE TAVOLO CONCERTAZIONE: PASSARE DALLE PAROLE AI FATTI

L’annuncio dell’Istat sullo spopolamento della città di Sulmona ha gettato una luce acuta sulla situazione occupazionale e demografica del territorio, suscitando profonda preoccupazione nel responsabile Uil Sulmona Alto Sangro, Maurizio Sacchetta. La prospettiva di una perdita occupazionale e la possibile chiusura di scuole e uffici pubblici è un segnale allarmante che non può essere ignorato.

In una dichiarazione incisiva, Sacchetta ha sottolineato la lunga e decennale preoccupazione della Uil per la tenuta occupazionale e demografica del comprensorio. Questo, a suo dire, è il risultato di una continua espoliazione degli uffici amministrativi e dei presidi dello Stato nel territorio, mentre la politica locale sembra rimanere silente di fronte a questo processo.

La Uil, impegnata da anni sui temi dello sviluppo economico e industriale e sulla lotta allo spopolamento, chiede con forza alla politica di passare dalle parole ai fatti. Non c’è più tempo per discussioni sterili; è urgente agire per garantire il mantenimento dell’occupazione e contrastare lo spopolamento, soprattutto quello giovanile.

Per invertire la rotta del declino demografico e occupazionale, Sacchetta propone l’avvio di un tavolo di concertazione permanente sul tema del lavoro, coinvolgendo tutti gli attori interessati. È fondamentale elaborare un progetto condiviso per il rilancio economico, produttivo e occupazionale del territorio, superando divisioni e campanilismi.

Il ruolo dei comuni con insediamenti produttivi, industriali e artigianali è cruciale in questo processo. È essenziale intercettare le opportunità offerte dalla Zes e dal Pnrr, utilizzando le risorse per progetti di riconversione e riqualificazione industriale, formazione e riqualificazione dei lavoratori, efficientamento energetico e digitalizzazione degli uffici pubblici.

L’occupazione e il rilancio delle imprese rappresentano una sfida vitale per il territorio, che non può permettersi di perdere. La Uil accoglie con favore l’appello di un gruppo di sulmonesi, tra cui il presidente della Figc, Gabriele Gravina, per un incontro tra tutte le forze sane del territorio. È tempo di agire con determinazione per avviare un confronto costruttivo sui temi posti e promuovere la rinascita e la crescita della nostra comunità.

Domenico Verlingieri