GIRO DEL MONDO ECOSOSTENIBILE PARTITO DA SCANNO, ORA VERSO LA TRAVERSATA DEL PACIFICO

Partiti da un piccolo borgo italiano nell’entroterra abruzzese, due giovani avventurieri, Tommaso Farina e Adrian Lafuente, hanno dato vita a un progetto che ha catturato l’attenzione di molti: il “Project Kune”. Un viaggio che non è solo un’impresa di coraggio e determinazione, ma anche un messaggio di sostenibilità e apertura mentale.

L’epopea di Farina e Lafuente ha preso il via il 5 giugno scorso da Scanno, un comune incastonato tra le montagne abruzzesi, scegliendo l’azienda agricola “Gregorio Rotolo” come punto di partenza. La missione? Percorrere il mondo in due anni, esplorando iniziative green e sostenibili in ventitré Paesi, senza mai prendere un aereo.

Dopo aver attraversato gran parte dell’Europa con mezzi alternativi come l’autostop e autobus, affrontando sfide e incontrando persone straordinarie lungo il cammino, i due amici hanno varcato l’Atlantico in un’avventura che ha messo alla prova le loro abilità di navigazione e resistenza.

Il passaggio transoceanico in barca a vela dai toni epici è durato trentacinque giorni, durante i quali hanno affrontato tre incidenti alla vela principale. Ma nonostante le difficoltà, hanno raggiunto le sponde del Sud America dalle Canarie, iniziando così la fase latinoamericana del loro viaggio.

In Sud America, Farina e Lafuente si sono trovati ad affrontare realtà spesso lontane dalla loro comfort zone. Attraversando il Venezuela, nonostante le avvertenze, hanno scoperto la bellezza del paese e incontrato persone straordinarie, tra cui decine di migranti in fuga che viaggiavano con loro sul Rio delle Amazzoni.

In Brasile, hanno incontrato la figura della segretaria dei popoli indigeni, una voce importante nella lotta contro la deforestazione e lo sfruttamento delle risorse naturali. Queste esperienze hanno ampliato i loro orizzonti e li hanno spinti a comprendere meglio le sfide ambientali e sociali del continente.

Nonostante le difficoltà finanziarie e gli ostacoli lungo il cammino, Farina e Lafuente non si scoraggiano. Con un budget minimo e la stanchezza accumulata dai lunghi spostamenti in autobus e le nottate in ripari improvvisati, guardano al prossimo obiettivo con determinazione: la traversata del Pacifico per raggiungere l’Asia.

Il “Project Kune” è molto più di un viaggio. È un’esplorazione delle possibilità di vivere in armonia con il pianeta e con le diverse culture che lo abitano. È un messaggio di speranza e di cambiamento, portato avanti da due giovani che credono fermamente nel potere dell’azione e dell’ispirazione.

Mentre il loro viaggio continua, il mondo tiene il fiato sospeso, seguendo le loro gesta con ammirazione e incoraggiamento. Perché il “Project Kune” non è solo la storia di due amici che attraversano il mondo, ma di una generazione che sogna un futuro più sostenibile e solidale per tutti.

Domenico Verlingieri