CAMMINO GRANDE DI CELESTINO: DAL CUORE DELL’ABRUZZO AL MARE, SULLE TRACCE DEL PAPA EREMITA

Un singolare viaggio, a dorso di un asino e scortato da Carlo D’Angiò, fu quello del luglio 1294 per il vecchio eremita della Maiella Pietro Angelerio che dall’eremo del Morrone raggiunse L’Aquila per essere incoronato Papa con il nome di Celestino V nella basilica di Collemaggio. Giorni di straordinari cambiamenti per il povero Pietro, che avrebbero lasciato un segno indelebile nella Chiesa. Dopo quattro mesi di pontificato, la rinuncia e la fuga verso oriente, la cattura a Vieste e la morte prigioniero nella rocca di Fumone. Il Cammino Grande di Celestino congiunge oggi L’Aquila e Ortona al tracciato originario della Maiella nato nel 2018 per iniziativa del Parco nazionale della Maiella. Un viaggio dal cuore dell’Abruzzo fino al mare per godere appieno la bellezza del Parco della Maiella percorrendo 10 km del cammino, che nella sua complessità congiunge, appunto, L’Aquila ad Ortona. Sarà l’occasione per andare sulle orme dell’eremita Pietro Angelerio che percorse questi luoghi per raggiungere L’Aquila e farsi incoronare Papa, con il nome di Celestino V. Appuntamento per il prossimo 13 aprile per l’iniziativa “Cammini Aperti”, promossa nell’ambito di “Scopri l’Italia che non Sapevi – Viaggio Italiano”, il progetto congiunto di promozione turistica delle regioni italiane facenti parte del Piano di promozione nazionale 2022 del ministero del turismo. Per “Cammini Aperti” si percorrerà il tratto che dalla Badia di Santo Spirito al Morrone porta al borgo medievale di Pacentro, per vivere un’esperienza tra le più suggestive della regione. “Cammini Aperti”, ideato dalla Regione Umbria – in qualità di capofila per il turismo slow – si pone l’obiettivo di essere il più importante evento nazionale dedicato ai sentieri-itinerari, promuovendo i valori dell’accessibilità. Coinvolti 42 cammini, due per ogni regione e provincia autonoma, con oltre duemila partecipanti, previa iscrizione sul portale dedicato (https://www.italia.it/it/viaggio-italiano/cammini-aperti). In Abruzzo è previsto anche il Cammino dei Briganti, il 14 aprile, per percorrere un itinerario ad anello lungo 11 km che parte dal pittoresco borgo di Sante Marie passando per Scanzano e Tubione, nei luoghi un tempo frequentati dai briganti, in cui non mancheranno degustazioni e musica lungo il percorso. “Cammini Aperti” mostrerà l’Abruzzo più tipico portando i partecipanti proprio laddove questo cammino ha inizio e dove si trovano attrazioni quali il Museo del Brigantaggio e il Museo Multimediale di Astrofisica.