PALAZZO PORTOGHESI: NANNARONE, CENTRODESTRA E CENTROSINISTRA LITIGANO SUL NULLA

Sulla querelle politica che si è scatenata su Palazzo Portoghesi dopo l’intervento del candidato al consiglio regionale, il marsicano  Massimo Verrecchia (Fratelli d’Italia), interviene la consigliera comunale di Sulmona Teresa Nannarone ricordando che proprio da un suo ordine del giorno presentato nel maggio dello scorso anno, sindaco e giunta si impegnavano a verificare l’attività svolta dalla Regione per riaprire l’importante struttura sede del Centro servizi culturali. Con l’ordine del giorno approvato all’unanimità dal consiglio comunale, Nannarone sollecitava “una pronta risoluzione del problema che ha comportato la chiusura, ivi compresa una nuova verifica nell’immediatezza della vulnerabilità sismica dell’edificio”. “Dov’era Verrecchia e dov’erano i Fratelli e le Sorelle d’Italia?”, afferma la consigliera comunale. “Assisto perciò allibita ad un “scontro politico” sulla primazia in proposito, che è la misura della campagna elettorale in corso: inqualificabile poiché affollata da interventi inappropriati per posizionare se stessi e non certo per risolvere i problemi veri del territorio ormai quasi insormontabili”. “Mi aspettavo, da destra e da sinistra – aggiunge Nannarone – uno scontro o un confronto sulla sanità, sul lavoro, sull’ambiente. E invece si apre una querelle su un tema portato avanti da me a maggio su cui altri intervengono dopo mesi. E questo è un brutto segnale: vuol dire non avere idee né memoria, vuol dire, come spesso succede ormai, litigare sul nulla, mentre altri territori avanzano in termini di consensi, progetti e quindi sviluppo per la propria collettività”, conclude Teresa Nannarone.

2 thoughts on “PALAZZO PORTOGHESI: NANNARONE, CENTRODESTRA E CENTROSINISTRA LITIGANO SUL NULLA

I commenti sono chiusi