ARMI E DROGA NELLA CASA EREDITATA, CONDANNATO A DUE ANNI

Aveva ereditato l’abitazione del fratello deceduto, all’interno un mini arsenale e qualche grammo di hashish e cannabis, motivi per i quali un 64enne della provincia dell’Aquila è stato condannato alla pena di due anni di reclusione e al pagamento delle spese processuali, con l’accusa di detenzione abusiva di armi e munizioni. Nel dicembre 2022 i carabinieri della compagnia di Castel di Sangro durante una perquisizione dell’abitazione in uso all’uomo scoprirono pistole, proiettili e una carabina., tutto detenuto illegalmente. L’attività dei militari aveva portato anche al sequestro di 0,5 grammi di hashish e di alcuni grammi di cannabis, sostanza anch’essa ereditata, stando alla versione del 64enne. L’uomo era stato quindi arrestato, poi rimesso in liberta’ per l’assenza del pericolo di reiterazione di reato. Oggi la condanna dei giudici del Tribunale di Sulmona.