IL COSTUME TRADIZIONALE DI SCANNO PROTAGONISTA IN CAMPIDOGLIO

Si è svolto ieri mattina nella Sala della Protomoteca del Campidoglio un appuntamento con il fine di sostenere la candidatura del costume scannese a patrimonio culturale immateriale dell’Unesco. L’incontro “Dalla Forza della Tradizione la Bellezza della Creatività: Il Costume Tradizionale di Scanno” ha catturato un ampio pubblico. Presenti per l’occasione cittadini di Scanno, scolaresche, e tanti che hanno a cuore le tradizioni e la cultura dell’Abruzzo. E’ stato il costume di Scanno ad essere l’assoluto protagonista della giornata. “L’appuntamento di oggi è un inizio importante per portare testimonianza del percorso che abbiamo avviato come amministrazione comunale unitamente con la Fondazione Fasti e a chi si è voluto dedicare a questa iniziativa”, afferma il primo cittadino di Scanno Giovanni Mastrogiovanni. “La nostra comunità”, continua il sindaco,”è legata in modo forte al nostro costume che rappresenta la storia, l’identità. Non vediamo più le nostre nonne indossare l’abito per il paese e anche per questo dobbiamo avviare un percorso per mantenere viva non solo la memoria ma cercare, in qualche modo, di guardare al futuro e far vivere la bellezza della tradizione alle nuove generazioni perché altrimenti questa storia, questa identità, viene meno”, conclude Mastrogiovanni. Tanti gli intervenuti, tra i presenti anche il presidente della Fondazione, Maria Pia Silla, il cardinale Francesco Coccopalmerio, l’ex sottosegretario Gianni Letta, cittadino onorario di Scanno, il linguista Francesco Sabatini e la stilista Liliana Spacone.  Un viaggio nella storia è stato fatto grazie ai numerosi video del passato testimonianza della cultura del paese, della sua eterna ricchezza e di come il costume scannese è parte integrante dell’identità del territorio. A sorprendere i presenti l’ingresso di alcune donne di Scanno nel loro abito tradizionale; un lungo applauso è stato dedicato a loro e al prezioso costume candidato come patrimonio immateriale dell’Unesco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *