MOLESTO’ GIOVANE NEL PATRONATO, A GIUDIZIO 52ENNE PER VIOLENZA SESSUALE

Un 52enne residente nella Valle del Sagittario, dipendente del patronato della Cgil di Sulmona, è comparso questa mattina davanti al giudice per le udienze preliminari del tribunale di Sulmona, Alessandra De Marco, che ha fissato il rito abbreviato per il prossimo 4 luglio, su richiesta dell’avvocato difensore, Mauro Calore. Si tratta dell’uomo accusato di aver molestato un giovanissimo di 20 anni negli uffici del sindacato, in vico del Vecchio. I fatti risalgono al 29 luglio 2022. Il 20enne, residente nel comprensorio, si sarebbe recato negli uffici del patronato, per sbrigare alcune pratiche relative alla disoccupazione. A quel punto sarebbe stato avvicinato dal 52enne che, secondo quanto riferito dal ragazzo in querela e cristallizzato nell’incidente probatorio, gli avrebbe infilato le mani tra i pantaloni, anche nella parte posteriore, toccandogli gli organi genitali. Il giovane, assistito dall’avvocato Andrea Marino, inizialmente avrebbe lasciato il luogo. Nel pomeriggio avrebbe raccontato tutto in famiglia tant’è che cinque persone si erano recate la sera stessa nell’ufficio facendo scattare l’intervento di tre pattuglie dei carabinieri. Ne scaturì una lite furibonda tra le parti. Il 20enne, la madre e il dipendente indagato rimediarono una prognosi che oscillava da cinque a sette giorni. La persona offesa aveva prodotto inoltre la messaggistica di WhatsApp e alcuni file audio mentre la difesa aveva contestato punto per punto la ricostruzione dei fatti operata dalla vittima, facendo notare che un episodio di tale gravità e rilevanza stona con la natura pubblica del luogo dove sarebbe stata perpetrata la violenza denunciata. Al giudice il compito di fare chiarezza.