ANVERSA DEGLI ABRUZZI, LA RISPOSTA DEI CONSIGLIERI DI MAGGIORANZA ALL’ASSESSORE D’ALESSANDRO

Riceviamo e pubblichiamo.

Con riferimento alla recente diffusione del comunicato stampa “Fallito il modello anversano”, si ritiene utile e doveroso fornire alcuni opportuni chiarimenti.
Svariate delle considerazioni esposte dall’ Ing. Massimo D’Alessandro non corrispondono a quanto realmente avvenuto e che ha determinato da parte del Sindaco la revoca del suo incarico di Assessore esterno. È vero certamente che, dopo il promettente avvio di inizio legislatura, si è registrato un indebolimento di iniziative e di programmi dell’Amministrazione comunale, in buona parte dovuto a dolorose e prolungate situazioni famigliari di due consiglieri e all’insorgenza di seri problemi di salute del primo cittadino. Proprio in questi delicati frangenti, invece di manifestarsi una maggiore compattezza e sinergia tra gli esponenti dei due gruppi consiliari protagonisti dell’accordo elettorale, ha avuto inizio una certa freddezza di rapporti ed una serie di distinguo e di prese di distanza.
Comunque, al di là di qualche sporadico confronto dialettico, la Giunta ed il Consiglio hanno continuato a garantire una corretta gestione ordinaria dell’Amministrazione, sino alle ultime sedute dell’assise comunale quando, i Consiglieri del Gruppo “per Anversa Domani”, hanno inopinatamente espresso voto contrario alle deliberazioni di “Approvazione del Documento Unico di Programmazione 2024-2026” e di “Mutamento di destinazione di terreno comunale” a seguito di un pregresso riallineamento di particelle catastali, adducendo impropriamente la loro contrarietà all’incremento dei tributi locali ed alla alienazione della ex Villetta comunale, argomenti al momento non ancora sottoposti all’esame del Consiglio. Forse l’ex Assessore potrebbe avergli riferito con poco corretto anticipo informazioni riguardanti atti preliminari allo studio degli Uffici comunali e della Giunta.
Ritenendo superfluo confutare le teorie complottiste del comunicato stampa, va almeno detto che fa davvero sorridere l’affermazione che il gruppo di “Concordia e Progresso” abbia voluto occupare tutte le poltrone disponibili, che non risulta pervenuta in Comune alcuna richiesta di incontro con gli Amministratori da un gruppo di opinione (?), che suscita indignazione l’appellativo di “affiliati del Sindaco” rivolto ai suoi volenterosi collaboratori.
A prescindere da ogni valutazione di carattere politico, si riconoscono all’ Ing. D’Alessandro grande competenza tecnica e notevoli capacità professionali, e proprio per questo ci si sarebbe aspettato da lui un più deciso contributo negli indirizzi amministrativi, una maggior intraprendenza di iniziative e una più costante presenza nella attività presso la sede municipale. È troppo comodo e facile restare nella propria residenza romana o nella dimora del paese in attesa di essere convocato o invitato agli incontri: i Consiglieri comunali e in particolare i membri della Giunta dovrebbero sempre avere un ruolo attivo e propositivo, sporcarsi le mani, metterci la faccia, partecipare agli eventi pubblici, darsi da fare ogni giorno per i problemi del paese e per le esigenze dei cittadini, con spirito di servizio, modestia, impegno e correttezza. Invece, risulta che egli abbia da tempo piuttosto optato prendere parte ad incontri e conciliaboli con eterogenei elementi alquanto ostili all’attuale Amministrazione…
Pazienza, il paese resiste ugualmente e va avanti nonostante le oggettive difficoltà, lo spopolamento, la piazza poco frequentata e i vicoli non sempre puliti, ma fedele ai propri valori di rispetto civile e di solidarietà umana.

Auguri sinceri per le Festività e per il futuro a tutta la Comunità di Anversa e Castrovalva!

Gruppo consiliare di maggioranza “Concordia e Progresso”