ARRIVA LA CONDANNA DEFINITIVA PER UN FUNZIONARIO DI BANCA DI PRATOLA PELIGNA ACCUSATO DI ATTI SESSUALI CON MINORE

Diventa definitiva ed esecutiva la sentenza della Corte d’Appello dell’Aquila nei confronti di un impiegato di PRATOLA Peligna, B.D’A. Di 62 anni. La Corte di Cassazione ha infatti dichiarato inammissibile il ricorso del pratolano, fino a qualche tempo fa importante funzionario di un istituto di credito della zona. L’uomo era finito sotto processo con la pesante accusa di atti sessuali con minorenne e corruzione di minore. La Corte Suprema ha accolto la tesi delle parti civili e ha condannato l’imputato al pagamento di tutte le spese di giudizio. Il 62enne era stato condannato alla pena di cinque anni e sei mesi di reclusione che dovrà scontare in carcere. Nel corso del dibattimento di primo grado e poi in sede di appello è stato confermato che l’imputato aveva compiuto atti sessuali con una minore prima del compimento del decimo anno di età e sino al raggiungimento del sedicesimo anno, approfittando delle occasioni in cui l’allora ragazzina veniva affidata alla sua custodia. Tutti fatti avvenuti dal 2008 al 2015. Sempre secondo le accuse che hanno poi portato alla condanna del funzionario di banca, il 62 enne aveva mostrato alla minore materiale pornografico e oggetti per l’autoerotismo per indurla a compiere o a subire atti sessuali. Anche questi fatti sono avvenuti dal 2009 al 2013. Finita la storia tra l’uomo e la madre della vittima, l’allora minore non aveva retto al peso, raccontando tutto alla madre. Da qui l’inchiesta partita dalla Procura della Repubblica di Sulmona che ha portato l’uomo ad affrontare il processo nei suoi tre gradi di giudizio. Ieri la Cassazione ha scritto la parola fine sulla delicata vicenda.

One thought on “ARRIVA LA CONDANNA DEFINITIVA PER UN FUNZIONARIO DI BANCA DI PRATOLA PELIGNA ACCUSATO DI ATTI SESSUALI CON MINORE

  • Troppo poco…

I commenti sono chiusi