INCENDI SULMONA, TROVATO L’INNESCO: SCATTANO LE PERQUISIZIONI

Potrebbero avere una matrice comune gli incendi divampati nell’ultimo periodo nelle zone pedemontane della città di Sulmona. Ne sono convinti i Carabinieri Forestali che nei giorni scorsi, su disposizione della Procura della Repubblica di Sulmona, hanno eseguito una perquisizione a casa di un giovane residente in una frazione sulmonese. In totale sarebbero almeno cinque le perquisizioni effettuate nella zona. Nel corso delle operazioni non sarebbero emersi indizi solidi, anche se l’attività d’indagine prosegue. A riattivare le forze dell’ordine sarebbe stato il rogo divampato lo scorso lunedì nei pressi di una vecchia cava di Pratola Peligna. Lì sarebbe stato rinvenuto un innesco rudimentale, ora al vaglio degli esperti. Un incendio che, secondo gli addetti ai lavori, potrebbe essere stato appiccato con modalità pressoche’ simili al rogo bis del Morrone, divampato lo scorso 25 luglio. Gli eventi registrati nel corso dell’estate d’altronde sono diversi: Bagnaturo, Marane, Colle Savante.