CASEIFICIO CHIUSO, OPERAI DI REGINELLA DA 5 MESI SENZA CASSA INTEGRAZIONE

Nessuno esegue il decreto di pagamento emesso il 9 luglio per via di un paio di posizioni bloccate. E’ quanto avvenuto agli ex operai dello stabilimento Reginella d’Abruzzo di Sulmona che si sono ritrovati senza lavoro dopo la chiusura del caseificio per lo stop definitivo della produzione. Da cinque mesi attendono il riconoscimento della cassa integrazione. Le somme dovute finora non sono arrivate. la Fp Cgil della provincia dell’Aquila, che aveva tentato la mediazione, ha dato l’ultimatum all’Inps le cui funzioni specifiche ora, con la recente riorganizzazione, sono gestite direttamente ad Avezzano. Nei prossimi giorni la cassa integrazione dovrebbe essere finalmente versata poiché, si è scoperto, bastava sbloccare due posizioni in sospeso. Resta la preoccupazione per il futuro. Con lo stop di Reginella d’Abruzzo si è chiusa l’epoca della piccola/media azienda che operava sul territorio della Valle Peligna da circa 70 anni e che dava occupazione e reddito a circa 31 persone. I lavoratori coinvolti fino al 31 dicembre saranno chiamati a un percorso di informazione e formazione in quanto soggetti potenzialmente fuori dal mercato del lavoro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Available for Amazon Prime