INAUGURATA LA NUOVA SEGNALETICA DEL PERCORSO RELIGIOSO DA PRATOLA AD ANVERSA DEGLI ABRUZZI

Il primo di una serie di dieci percorsi che partono da Pratola Peligna e conducono ad altrettanti eremi o chiese siti nel territorio. Si tratta del cammino storico-religioso in onore della Madonna della Consolazione, che conduce da Pratola Peligna ad Anversa degli Abruzzi, di cui è stata inaugurata la segnaletica nel corso di una cerimonia svoltasi ieri mattina, in piazza Madonna della Neve, nel Comune peligno.

Madonna della consolazione

Il progetto è stato promosso dal Comitato festa Madonna della Libera 2023 e dal suo presidente pro tempore, Luciano Visconti. L’obiettivo che ci si propone è quello di unire tradizione, fede e cultura attraverso la valorizzazione e la segnalazione di uno degli itinerari sacri che attraversano il territorio. Il cammino che unisce Pratola Peligna ad Anversa degli Abruzzi è un itinerario di fede che permette a tanti devoti, ancora oggi, di raggiungere a piedi o in bicicletta la chiesa della Madonna della Consolazione di Anversa degli Abruzzi. Il progetto è stato condiviso dai quattro Comuni che vengono attraversati dal percorso. Nello specifico, partendo dalla chiesa della Madonna della Neve a Pratola Peligna, l’itinerario attraversa la frazione di Campo di Fano (Prezza), la frazione di San Giuseppe (Bugnara) giungendo ad Anversa degli Abruzzi. Lungo l’itinerario, della lunghezza di 18,1 km e di circa 300 metri di dislivello, sono stati posti quattro pannelli informativi, uno per ogni località, muniti di QR Code per facilitare la conoscenza del percorso. Alla cerimonia di inaugurazione hanno preso parte il sindaco di Pratola Peligna, Antonella Di Nino, il sindaco di Prezza, Marianna Scoccia, il primo cittadino di Bugnara, Domenico Taglieri, il delegato alla cultura di Anversa degli Abruzzi, Mario Giannantonio. Presenti anche il parroco del Santuario della Madonna della Libera, padre Agostino Piovesan, ed il parroco di Prezza, padre Rubens Rodriguez Lopez. “Il progetto che stiamo portando avanti, con questo percorso, è quello di valorizzare il nostro territorio – dichiara il presidente pro tempore del Comitato festa Madonna della Libera, Luciano Visconti – . Può fungere da volano per il turismo, non solo religioso, e per l’economia locale. Non appena ho proposto il progetto ai quattro sindaci interessati tutti hanno risposto favorevolmente”. “Inoltre, – aggiunge Visconti – prendendo a modello altri importanti percorsi in ambito europeo, abbiamo realizzato una maglia azzurra (riprende il colore del manto della Madonna della Libera) che i pellegrini indosseranno il prossimo 3 settembre allorché intraprenderanno il cammino verso Anversa”. “Abbiamo in programma altri percorsi che collegheranno Pratola ad altre mete quali eremi e chiese – prosegue – . Non per nulla questa è la terra degli eremi”. “Ringrazio – conclude il presidente del Comitato – Nino Critelli, per aver realizzato il QR Code della segnaletica fornendo un supporto tecnologico a chi intraprende il cammino, Rosina Carducci (scomparsa quest’anno) e Anna Rita Rossi che hanno riproposto, 14 anni addietro, questo percorso religioso, la cui storia inizia nel lontano 1917, che era caduto nel dimenticatoio”. (g.s.)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Available for Amazon Prime