PETARDI DI MARADONA NEL GARAGE, A PROCESSO UN 50ENNE DI SULMONA

Aveva nel garage della sua abitazione 98 confezioni di “D10s”, la cosiddetta bomba dedicata a Maradona ma venne incastrato dalla foto pubblicata su Instagram dal figlio minore. La vicenda risale alla serata di Santo Stefano del 2021 ed ora il possessore dei pericolosi petardi, un 50enne di Sulmona, è finito sotto processo, davanti al giudice monocratico Concetta Buccini, per commercio abusivo di materiale esplodente in quanto non aveva la licenza specifica che deve essere rilasciata dall’autorità competente. All’epoca la Guardia di Finanza si recò a casa dell’uomo per sequestrare tutte le confezioni. Ad attirare l’attenzione delle Fiamme Gialle era stato proprio il post sui social ma il 50enne si è difeso spiegando di non conoscere né la provenienza né la pericolosità dei prodotti che aveva acquistato in quel periodo per gli spari di Capodanno. Una motivazione che non gli ha evitato il processo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *