PRATOLA, ANZIANA DATA PER MORTA DA AMICI E PARENTI, IL FIGLIO MINACCIA DI QUERELARE TUTTI

Era caduta rovinosamente per strada tanto da essere ricoverata in ospedale per i dovuti accertamenti. Ma senza alcun motivo, in poche ore per la cittadina dove risiede e vive la donna, si sparge la voce del suo decesso con decine di persone che inviano le condoglianze ai parenti dell’anziana. Una vicenda che ha dell’incredibile quella che si è verificata nei giorni scorsi, a Pratola Peligna e che ha visto al centro una donna di 70 anni. Ora il figlio dell’anziana, sta valutando la possibilità di tutte le persone che hanno alimentato la falsa notizia. I fatti risalgono alla scorsa settimana quando la donna sarebbe caduta per strada mentre si trovava nei pressi di una tabaccheria. Soccorsa da alcuni passanti per la donna si è reso necessario il trasporto con l’ambulanza del 118 nel pronto soccorso dell’ospedale di Sulmona dove le è stato riscontrato dai medici un trauma cranico conseguente alla caduta. Ricoverata in pronto soccorso l’anziana è rimasta per le cure necessarie e sotto osservazione per una settimana. Nel frattempo in paese si è diffusa la notizia del suo decesso. Data per morta anche dai suoi parenti con diffusione di decine di messaggi, anche su whatsapp, in cui veniva collegato il suo decesso, a un comportamento insano del figlio, che l’avrebbe riempita di botte fino a provocarne il decesso in ospedale. Secondo alcuni messaggi più fantasiosi, il magistrato aveva addirittura disposto l’autopsia per accertare le cause della morte. Altri, invece, avevano riferito di aver parlato addirittura con il figlio che avrebbe confermato il decesso della madre. Per un giorno e mezzo per Pratola non si è parlato d’altro fino a scoprire che la 70 enne era viva e vegeta, ricoverata nel reparto di chirurgia dell’ospedale di Sulmona. Chiacchiere e messaggi che sono arrivate alle orecchie e sul telefonino del figlio che ora sta valutando la possibilità di denunciare tutti per procurato allarme.