METANODOTTO, L’AUTORITA’ PER L’ENERGIA IMPONE UNA CONSULTAZIONE PUBBLICA

“Clamoroso, l’Arera, Autorità di regolazione per energia reti e ambiente impone avvio consultazione pubblica sull’utilità del gasdotto line Adriatica compreso il tratto Sulmona-Foligno: perché deve pesare sulle bollette degli italiani? Nel frattempo il Governo l’ha approvato, mentre i dati, con oltre 3 miliardi di mc esportati. smentiscono chi ha cavalcato le paure degli italiani sulla scarsità di metano per imporre opere costosissime”. A sostenerlo il coordinamento No Hub del Gas  che domani 5 gennaio a Pescara alle 10.30 nella sede della Cgil in via Benedetto Croce terrà una conferenza stampa in cui illustrerà “la clamorosa decisione di Arera, l’Autorità per l’Energia, che ha imposto a Snam l’avvio della consultazione pubblica sull’utilità per gli italiani del gasdotto Linea adriatica, comprensivo del tratto Sulmona-Foligno, visto che graverà sulla bolletta degli italiani”. Si legge nella nota: “peccato che l’opera sia stata già approvata come strategica dal Governo italiano, a conferma che il nostro paese è proprio la Terra dei Cachi. Un fatto clamoroso, in un momento in cui i dati smentiscono chi ha scommesso sulle paure degli italiani sulla mancanza di gas, visto che addirittura nel 2022 l’Italia ha esportato – sì, esportato all’estero – oltre 3 miliardi di mc, un record assoluto, con lauti guadagni per le aziende che usano i gasdotti pagati dagli italiani con le loro bollette. Durante la conferenza stampa si spiegherà la procedura e le modalità con cui chiunque potrà presentare le osservazioni”.

5 pensieri su “METANODOTTO, L’AUTORITA’ PER L’ENERGIA IMPONE UNA CONSULTAZIONE PUBBLICA

  • 5 Gennaio 2023 in 07:22
    Permalink

    io prima di scrivere qualche parere mi informerei sui siti istituzionali quali ARERA e SNAM

  • 5 Gennaio 2023 in 07:17
    Permalink

    Articolo scritto male che riporta informazioni aleatorie sulla questione. noi leggiamo e interpretiamo bene ciò che viene riportato sui siti di settore ARERA e SNAM.
    questa consultazione si riferisce alla relazione integrativa sul progetto del novembre 2022.
    la snam ha gia fatto diverse consultazioni pubbliche su questa rete di gas ed in particolare sul ACB (ANALISI COSTI-BENEFICI, OBBLIGATORIA PER AVERE L AUTORIZZAZIONE) oltre a quella fatta sul piano decennale A RIGUARDO DI TUTTI I GAS CONDOTTI CHE LA SNAM STA COSTRUENFO IN ITALIA!
    l opera è AUTORIZZATA e nessuna consultazione pubblica potra agire contro.
    i TERMINI UTILIZZATI NELL ARTICOLO sono del tutto inappropiati… arera ha imposto (falso) arera sostenendo nei fatti (falso)…
    ma VOI giornalisti sapete cosa è una ‘consultazione pubblica’?

    • 5 Gennaio 2023 in 13:44
      Permalink

      Più che leggere e interpretare bisognerebbe che ANCHE CAPIATE quanto è riportato nella documentazione.
      Da notare in https://www.snam.it/export/sites/snam-rp/repository-srg/file/it/business-servizi/Processi_Online/Allacciamenti/informazioni/piano-decennale/pd_2021_2030/SCENARIO-NATIONAL-TREND-ITALIA_def.pdf a pag. 24 del documento (26 del pdf), che i volumi di gas hanno avuto il loro picco di consumo nel 2008 con 85 bcm (miliardi di metri cubi), per attestarsi nel 2019 con 74,5 bcm, e questi sono consumi certi e consolidati, mentre negli anni futuri ipotizzati nel 2030 sono pari a 62,4 bcm e nel 2040 di 60.6 bcm e/o 64,5 includendo nel consumo l’idrogeno, quindi dati totalmente lontani dagli 85 bcm del 2008, tanto meno non si può giocare con i numeri e specialmente con i gas accomunando aritmicamente nel grafico i 2 consumi, ma ciò non è possibile nella pratica, e cioè o trasporto il gas metano o l’idrogeno, e per piacere lasciamo fuori dal discorso gli già effettuati “esperimenti più commerciali che tecnici” di mix di trasporto su metanodotti di rete secondarie e per tipologia di utilizzo specifici.
      Contrariamente il vero nodo sarà nella produzione di energia elettrica (pagine e grafici a seguire del medesimo documento).
      Ne consegue che la rete è più che sovradimensionata per i volumi da trasportare (È GIA’ AVVENUTO)!

      Probabilmente gli interessi alla realizzazione dell’opera sono altri!
      Mentre vi è l’assoluta certezza dell’esborso dl finanziamento da parte degli utenti italiani per la realizzazione dell’opera!
      E POI CI SI STUPISCE PERCHE’ VIENE RICHIESTA LA CONSULTAZIONE PUBBLICA SULL’INTERA OPERA?

      Per una personale consultazione in internet, digitare sui motori di ricerca “ arera consultazione pubblica snam “.

  • 4 Gennaio 2023 in 14:49
    Permalink

    Da quando un progetto “strategico”, autorizzato dal governo centrale perchè giudicato d’interesse nazionale ed europeo, può essere soggetto a consultazione ( ratifica o bocciatura ) popolare?
    Da quando l’autorità per l’energia ha il potere di indire consultazioni su decisioni governative derivanti da accordi internazionali?

    https://www.google.com/url?sa=t&rct=j&q=&esrc=s&source=web&cd=&cad=rja&uact=8&ved=2ahUKEwjEzsq_ga78AhX0QvEDHVCoCB0QFnoECA4QAQ&url=https%3A%2F%2Fwww.snam.it%2Fit%2Fmedia%2Fenergy-morning%2F20221201_1&usg=AOvVaw3w8dyvTChYWxBCjr0thJ6L

  • 4 Gennaio 2023 in 14:04
    Permalink

    Se l’autorità per l’energia può solo fare una consultazione pubblica mi sembra veramente patetico e inutile !!!!
    Se fossero davvero una autorità per l’energia il tutto non dovrebbe essere successo!!!! Quello che sta succedendo alla Cogesa di Sulmona è più grave e non risolto ancora visto che continuano a creare avvelenamento e puzze !!!!
    Persino la regione è complice in questi scempi ma visto che tutto è impunito e tutelato dal Governo, va tutto bene !???

I commenti sono chiusi