NARDELLA: CARCERI AQUILANE IN AFFANNO. RINNOVARE IMPEGNO PER GLI OSS

“La sanità penitenziaria è sempre più in affanno e nessuno dei tre istituti di pena aquilani risulta purtroppo essere esente dai tanti problemi che affliggono questo settore.” Così Mauro Nardella, segretario organizzativo Uil Pa L’Aquila. “Troppe sono le situazioni che contemplano un sempre più crescente bisogno di potenziamento di medici e paramedici”, prosegue, “dopo la riforma partorita da un decreto del 2008, che ha visto il passaggio di questa delicata e particolare area carceraria dalla competenza del ministero della Giustizia sotto l’egida delle Asl, non  sembra migliorare la condizione esistenziale degli addetti che ivi vi prestano servizio, di conseguenza dei detenuti e, di riflesso, dei restanti operatori penitenziari. Al netto delle qualità di ciascuno dei camici bianchi e dei loro assistenti che non sono da mettere in discussione il dato drammatico che emerge va a riguardare le piante organiche di costoro. Al carcere di massima sicurezza di Sulmona la situazione per via del sistematico invio di detenuti psichiatrici e/o malati cronici in condizioni di particolare gravità sta sperimentando uno dei periodi più neri della sua storia.
Se a ciò si aggiunge la particolarità che ha il carcere di Avezzano di avere una sanità part- time, visto che dalle 20.00 in poi l’unico presidio che i detenuti hanno a disposizione è quello della guardia medica e/o del 118, si può facilmente immaginare la difficoltà con la quale si opera in tali contesti nell’eventualità ci fosse bisogno di un pronto intervento sanitario. Fortunatamente con l’avvento della pandemia ci si è accorti di una figura che nel piano aziendale dell’Asl neanche figurava per le carceri e che si è rivelata essere, nel vero senso della parola, un autentico salvacondotto. Parliamo degli operatori socio sanitari i quali, seppur importati negli istituti a seguito dei nefasti eventi causati dal Covid, si sono dimostrati di una utilità unica in quanto ad assistenza ai detenuti fragili e non solo. Il 31 dicembre è scaduta la proroga di coloro i quali sono stati cooptati per il mezzo della protezione civile e ad oggi non ancora si sa cosa gli riserva il destino. L’auspicio che la Uil Pa si fa ora è che vengano immediatamente riproposti, ovvero rimessi nelle condizioni di rendere ultrattivo il loro prezioso impiego. Chiediamo quindi agli organi competenti che ci si impegni al più presto in tal senso. Si metta, cioè, gli istituti di pena aquilani al sicuro da pericolosi baratri e che non osiamo lontanamente pensare cosa potrebbero causare qualora non si ottemperasse in merito”, conclude il sindacalista.

Un pensiero su “NARDELLA: CARCERI AQUILANE IN AFFANNO. RINNOVARE IMPEGNO PER GLI OSS

  • 3 Gennaio 2023 in 22:35
    Permalink

    Ma non riescono a sistemare la spazzatura e volete che sistemino le carceri ????

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *