MUORE IL MEDICO GEPPINO MADRIGALE, AMICO DELLA MONTAGNA

Ha suscitato sgomento e cordoglio unanime la notizia dell’improvvisa scomparsa del medico Geppino Madrigale, 70 anni, deceduto nel pomeriggio di oggi. Madrigale era assai conosciuto e stimato sia per la sua attività professionale sia per la sua passione di sempre, l’alpinismo. E con altri amici sulmonesi era stato protagonista di una spedizione al K2, nella catena montuosa dell’Himalaya. 

Ma si era distinto anche in altre imprese legate a questa passione che mai lo ha abbandonato. Anche quando è stato aggredito da una grave malattia contro la quale ha combattuto come un leone ma con grande serenità. Amava la montagna, ma amava anche altri sport come lo sci e la bicicletta. Sua grande passione era anche la fotografia naturalistica: tante le immagini scattate nelle sue escursioni in montagna, alcune delle quali veri capolavori.

 Fino all’altro giorno passeggiava per le strade cittadine salutando chiunque lo incrociasse e fermandosi a bere un bicchiere e a farsi una chiacchierata con gli amici di sempre.  Da circa un anno era andato in pensione ma non aveva smesso di svolgere la sua missione di medico, dando consigli a tutti su terapie e medicinali. Era amico di tutti, con il suo carattere gioviale e sempre sorridente.

Madrigale lascia la moglie e due figlie. La camera ardente è stata allestita nella casa funeraria Caliendo Celestial. Il rito funebre sarà celebrato mercoledi, 4 gennaio, alle 11, nella chiesa di S.Francesco di Paola.

3 pensieri su “MUORE IL MEDICO GEPPINO MADRIGALE, AMICO DELLA MONTAGNA

  • 3 Gennaio 2023 in 15:15
    Permalink

    Ciao Geppino, perdiamo un caro amico che abbiamo avuto modo di conoscere bene durante l’esperienza comune sulle montagne del Karakorum, grande la tua disponibilità verso le comunità incontrate lungo la marcia di avvicinamento alla montagna, indispensabile il tuo contribuito alle ricerche mediche sui componenti la spedizione cose che non dimenticheremo mai.
    Un abbraccio forte a tutta la famiglia.
    I componenti la spedizione “Himalaya 86”

  • 2 Gennaio 2023 in 20:52
    Permalink

    “La vita è fatta di attimi, come questo che stiamo vivendo. Tutto passa ed il presente è solo un soffio che subito diventa passato mentre poco prima era futuro. Noi tutti scriviamo attimo per attimo la nostra storia e ciò che scriviamo, a differenza del tempo, rimane per sempre.“ — Romano Battaglia
    Come per sempre rimarrà ciò che hai costruito nel tempo, Caro Dottore..hai curato mia madre, mio padre ( ti stimava tantissimo) ,mio marito..mio figlio..e la sua famiglia ..E…me…E ora…come farò? Salutami mia madre, mio padre e ..mio marito, Ciao Dott. Madrigale…

    3
    3
  • 2 Gennaio 2023 in 19:59
    Permalink

    Sulmona 02.01.2023
    La Madonna lo accolga nella Gloria del Paradiso, una persona che dire meravigliosa è poco, un medico straordinario di grande umiltà, umanità e professionalità.
    distinti saluti
    Domenico Silla

I commenti sono chiusi