DI GIROLAMO, GOVERNO MENZOGNERO NIENTE PROROGA PER I QUATTRO TRIBUNALI ABRUZZESI

“Questo governo fa annunci roboanti, promette grandi cose e poi non ottiene nulla. Nella scorsa consiliatura abbiamo lavorato pancia a terra per la proroga dei tribunali, oltre alla riattivazione delle piante organiche, necessaria per non far morire di morte naturale i quattro tribunali abruzzesi, ma adesso nel Milleproroghe uscito in gazzetta non c’è nessun accenno alla faccenda. Nulla! “. Lo afferma la senatrice Pentastellata Gabriella Di Girolamo che si dice pronta a presentare un emendamento al Milleproroghe. “Praticamente la montagna ha partorito un topolino, anzi, ha direttamente abortito, fallendo miseramente. Negli ultimi mesi ci sono stati diversi incontri tra il ministro Carlo Nordio e i sottosegretari delle diverse forze politiche di maggioranza con i presidenti degli ordini dei quattro tribunali abruzzesi e i sindaci dei territori interessati, incontri dai quali sono stai esclusi gli esponenti dell’opposizione, a differenza di quanto è accaduto negli anni passati dove la partecipazione era aperta a tutti. Ma ora non è certo il momento di rimanere con le mani in mano. Ho già pronto un emendamento che presenterò al Milleproroghe. La battaglia per la difesa dei tribunali di Sulmona, Avezzano, Lanciano e Vasto prosegue senza sosta coerentemente con quanto fatto finora”.

6 pensieri su “DI GIROLAMO, GOVERNO MENZOGNERO NIENTE PROROGA PER I QUATTRO TRIBUNALI ABRUZZESI

  • 4 Gennaio 2023 in 12:30
    Permalink

    è finita il tribunale è chiuso ,e cosi dovrà essere…la pacchia per avvocati tutti e magistrati sta per finire…ne hanno fatte e continuano a farne..porcherie…su porcherie..
    ora il popolo ONESTO dice basta.
    se ne faccia una ragione SENATRICE…

    1
    1
    • 6 Gennaio 2023 in 19:12
      Permalink

      L’idiozia! Quando questi avvocati discuteranno cause in un altro tribunale diventeranno magicamente probi e onesti! O a rimetterci sarà l’utente che dovrà sborsare per le trasferte? Agli avvocati che gli frega, loro caricheranno le spese sui poveri clienti. Ma, nel mentre, lei sarà contento. È questo è importante eh!

  • 31 Dicembre 2022 in 13:38
    Permalink

    bue dice “cornuto”…

    1
    2
    • 31 Dicembre 2022 in 19:02
      Permalink

      E’ in ritardo di 6 giorni sulla tabella dei festeggiamenti del mese di dicembre, e forse non solo di quella.

  • 31 Dicembre 2022 in 11:54
    Permalink

    Questa ragazza è di una tenacia miserevolmente pazzesca. Si comprende che è d’infanzia povera come si comprendeva alle ragazze italiane della povertà di una volta , non appena aprivano bocca, in confronto allo stile delle ragazze tedesche e del nord Europa che venivano da nazioni più ricche. IL PARAGONE È LO STESSO.Ugualmente alla miserrima figura a livello planetario di un’altra ragazza odierna tale GIORGIA MELONI, dimostrando una arretratezza borgatara di fascino se non al livello delle indigene del Borneo, nel solo discutere nel 2022 del POS e delle multe sotto i 69 euri quando, da almeno 15 anni nelle altre nazioni europee ed anche del terzo mondo, i contanti non sanno più che cosa sono nei pagamenti giornalieri.
    Lo stesso è per i tribunalini subprovinciali delle città campagnole italiane, che, a causa della orrificante miseria che ha dovuto con lo stratagemma del posto impiegatizio, FRONTEGGIARE LO STATO , anche in relazione alla estrema pericolosità sociale del fenomeno, non sono , e dagli ininterrotti tempi di IGNAZIO SILONE, altropiù delle SOCIETÀ CARTIERE CHE INVECE DI EMETTERE FALSE FATTURE EMETTONO FALSE ACCUSE PER LO STESSO FINE DI GUADAGNO ILLECITO . Nel sistema è ben risaputo dalle autorità italiane ed europee , che circa il 90% dei procedimenti che intentano, (ed in combutta teatrale con le polizie che per stesso sovrannumero hanno bisogno di conscienzia di dimostrare scrivendo,che stanno anche loro facendo qualcosa) sono falsi inutili ed irrisori ma che soltanto occorrono per alimentare di guadagni l’intero apparato che circola intorno alla Giustizia, se abbiamo poi la piaga (anche di interesse filosofico-evoluzionista) di una media di 400 avvocati per centomila abitanti , quando nelle predette nazioni più benestanti d’Europa sono da 80 a 200. Mentre a chiaro e non sottinteso supporto della effettiva necessità sociale di questo SERVIZIO a difesa dei cittadini, si riscontra NELLE AREE PIÙ POVERE ED ARRETRATE D’ITALIA , AVERE 800 avvocati per Centomila abitanti, vedendosi quindi costretti ad ingaggiare in ogni modo, un numero corrispondente di imputati che sono ugualmente necessari per lo svolgimento di un processo.
    La povera Di Girolamo dovrebbe anche spiegare perché questa perniciosa difesa dei tribunalini viene condotta dai soli addetti ai lavori nel completo disinteresse, se non disturbo, del Popolo.

    1
    3

I commenti sono chiusi