CARO-ENERGIA, PRESSING DI IMPRESE E SINDACATI SU REGIONE: SUBITO MISURE DI SOSTEGNO

Le misure di sostegno contro il caro-energia a favore delle imprese vanno adottate ora: è la richiesta che 16 sigle del mondo dell’impresa e del sindacato hanno rivolto a Giunta e Consiglio regionale con una lettera inviata ieri. A indurre Agci, Casartigiani, Cia, Claai, Cna, Coldiretti, Confapi, Confartigianato, Confcommercio L’Aquila, Confcooperative, Confesercenti, Legacoop, Cgil, Cisl, Uil e Ugl a spingere sul pedale dell’acceleratore è la scadenza di fine anno per la redazione del bilancio di previsione 2023 dell’ente, che prevede anche una consultazione delle forze sociali. Una scadenza cui le 16 sigle, espressione del mondo dell’agricoltura, dell’artigianato, del commercio, della cooperazione, della piccola impresa, del turismo e dei sindacati di lavoratori intendono arrivare parlando una sola lingua in materia di contrasto al caro-energia: da qui la richiesta di mettere “nero su bianco” i provvedimenti a favore del mondo delle imprese proprio in occasione della redazione dello strumento contabile regionale. Così, dopo aver espresso “apprezzamento per analoga misura annunciata nelle scorse settimane a favore delle famiglie”, gli estensori del documento – che pure da mesi sono alle prese con un difficile confronto con gli organi di governo regionali sulle misure da adottare – hanno scritto al presidente Marsilio, agli assessori Liris, Campitelli e D’Amario, al Presidente dell’Assemblea Sospiri. Tra le richieste: recuperare fondi provenienti dalla programmazione 14/20; sospendere per 4/6 mesi le addizionali Irpef ed Irap non impegnate per il pagamento delle spese sanitarie; mettere a disposizione eventuali royalties derivanti dalla produzione di energia nel territorio; sospendere o ridurre il pagamento del bollo auto per la quota/parte appannaggio della Regione; semplificare e velocizzare le procedure per la costruzione di impianti per la produzione di energia da fonti rinnovabili; destinare risorse per erogare un credito di imposta di almeno il 50% alle imprese che decidono di installare pannelli fotovoltaici sui tetti dei loro capannoni; potenziare, con risorse finanziarie, lo strumento delle Comunità Energetiche; considerare la necessaria priorità delle aree montane.