GIORNATA STORTA PER L’OVIDIANA: VINCE L’ALBA ADRIATICA 2-1

L’Ovidiana Sulmona cade clamorosamente contro l’Alba Adriatica: 1-2 in favore degli ospiti. Quella che sulla carta sembrava essere una gara abbordabile per i padroni di casa, si è trasformata in una debacle.  Il match per i padroni di casa inizia con lo sciogliere il nodo su chi avrebbe preso il posto tra i pali dello squalificato Federico Fanti. Il tecnico biancorosso Bernardi ha optato per l’esperto Alfredo Meo, storico capitano del Sulmona tesserato in extremis, piuttosto che per il giovane classe 05’ Cristiano Puglielli che comunque esordirà con i colori biancorossi nei minuti finali di gara. Nonostante l’avvio convincente da parte del Sulmona con numerose palle gol non sfruttate, gli ospiti colpiscono alla prima vera azione della partita. Al 42’, dopo un intervento in area di Di Giannantonio, l’arbitro assegna un penalty in favore dell’Alba Adriatica. Sul dischetto si presenta Di Benedetto che trasforma il calcio di rigore nonostante Meo avesse intuito la traiettoria del pallone. Le due squadre tornano negli spogliatoi sul risultato di 0-1 in favore della sfavorita Alba Adriatica. Nella ripresa, l’Ovidiana vuole provare ad invertire le sorti nel match, ma anche in questo caso, dopo non aver sfruttato alcune occasioni da rete, i padroni di casa subiscono il raddoppio dell’Alba. Dopo un plateale intervento ai danni di D’Alessandro, non giudicato falloso dal direttore di gara, Antonacci si avventa sul pallone e, dal limite dell’area, trova un colpo da biliardo che si infila all’angolino basso della porta difesa da Meo. Nonostante il doppio svantaggio, il Sulmona continua a spingere e sfiora la rete che avrebbe accorciato le distanze con Martin Blanco che, dopo una splendida conclusione in spaccata, non trova la porta. Al 31’ sembra esserci un bagliore di speranza per l’Ovidiana: infatti, dopo un contatto in area di rigore su Shala, l’arbitro assegna un rigore in favore dei padroni di casa. Sul dischetto si presenta Martin Blanco che però fallisce l’opportunità di accorciare le distanze calciando alto sopra la traversa. Al Pallozzi è notte fonda per l’Ovidiana che riesce a trovare la rete dell’1-2 troppo tardi. Al minuto 41, infatti, il pallone diventa buono per Blanco che, dopo aver scartato il portiere avversario, deposita in rete. Nonostante la speranza riaccesa e l’entusiasmo ritrovato all’Ovidiana non bastano i cinque minuti di recupero concessi dal direttore di gara per agguantare almeno il pari. Il match termina dunque con il risultato di 1-2 in favore dell’Alba Adriatica che guadagna una posizione in classifica. D’altro canto il Sulmona rimane al quarto posto, ma vede allontanarsi sempre di più la vetta della classifica e ciò rischia di compromettere il piazzamento ai play off. (F.D.M.)

OVIDIANA SULMONA: Meo ( 45’st Puglielli C.), Giallonardo (21’ st Shala), Falce (45’ st Pelino), Hyseni, Del Gizzi, Di Ciccio, Lombardo (21’ st Basile), Di Giannantonio, Blanco, Puglielli R., Palombizio (10’ st D’Alessandro). A disposizione Siani, Mecomonaco, Colella, Hallulli. Allenatore Bernardi.

ALBA ADRIATICA: Barduagni, Di Loreto, Ferrini, Emili (10’ st Giri), Rossini, Salvatori, Antonacci, Passamonti, Padovano (33’ st Pantoni), Di Benedetto, Sterpi (14’ pt Colucci). A disposizione Porrini, Natale, Stefanìa, Scarpantonio, Di Sabatino. Allenatore Vagnoni.

Arbitro: Spadaccini di Chieti.

Reti: 42’ pt Di Benedetto, 21’ st Antonacci, 41’ st Blanco.

Note: ammoniti Giallonardo, Di Ciccio, Di Loreto, Rossini, Ferrini e Colucci.

(foto di Marina De Panfilis)