LA BUONA SANITA’, PATOLOGIA RARISSIMA GUARITA DAL DOTTOR LIBERTI

Il chirurgo Gaetano Liberti, originario di Pratola Peligna, è stato protagonista di una vicenda di buona sanità, in quel di Pisa. Una donna afflitta da un problema provocato da una massa comparsa alla base del cranio si era rivolta ad un ospedale milanese. La diagnosi del male era incerta e l’intervento chirurgico, dall’esito altrettanto incerto, sarebbe costato ben 65mila euro. La paziente, consigliata da un amico, si è rivolta allora al primario di neurochirurgia a Cisanello, il dottor Liberti. La donna, medico, soffriva da due mesi di cefalea, il viso era già deforme e camminava a passi esitanti. L’origine della lesione, come ricorda lo stesso Liberti, non era chiara. L’intervento si presentava difficile. Ma in due giorni, subito dopo la visita dal dottor Liberti, la paziente è stata operata. Con i suoi colleghi ha preparato il complesso intervento, mettendo tutto a punto. In tre ore quell’intervento è stato eseguito, riuscendo nel modo migliore possibile. La lesione è stata neutralizzata e i primi progressi della paziente si sono manifestati già nel giorno successivo all’intervento. Un vero e proprio miracolo. Della buona sanità e della capacità e preparazione dimostrate dal chirurgo pratolano e dall’intera sua equipe. L’esame istologico ha escluso che quella massa fosse un cancro, trattandosi invece di una rarissima patologia, benigna.

3 thoughts on “LA BUONA SANITA’, PATOLOGIA RARISSIMA GUARITA DAL DOTTOR LIBERTI

  • 7 Dicembre 2022 in 21:12
    Permalink

    Sentire tutto ciò fa bene e ci rende ottimisti, non importa chi è il medico, noi , almeno io plaudo e sono contento che la persona operata stia bene. Certo sapere che il medico che ha risolto il problema della signora, è un tuo amico d’infanzia fa piacere…ciao toni continua a fare il tuo dovere con la stessa fierezza di sempre daniele

  • 6 Dicembre 2022 in 17:30
    Permalink

    Qui nel nostro ospedale le eccellenze sono state deliberatamente”eliminate” e tutto riprogrammato in segno meno con la penna rossa, in attesa di una futura malattia politica rara non diversamente operabile che condanni l’ospedale a un definitivo trapasso.

    2
    1
    • 7 Dicembre 2022 in 15:39
      Permalink

      Eccellente Dottor Liberti
      la sua grande umanita’ sara’premiata prima dall’alto dei cieli.
      Il Signore gliene renda merito,salute pace e bene a lei e tutti i suoi famigliari e, guidi sempre la sua mano.

I commenti sono chiusi